Nardella vuole fare gli Uffizi 2 in Cina: una filiale del museo a Shanghai o a Pechino


Aprire una filiale degli Uffizi in Cina, a Shanghai o a Pechino: l'idea è del sindaco di Firenze, Dario Nardella, che vuole imitare il Louvre di Abu Dhabi.

Intervenendo a Capri al convegno dei giovani di Confindustria, il sindaco di Firenze, Dario Nardella, ha lanciato l’idea di creare una “filiale” degli Uffizi in Cina. Come i francesi hanno fatto con il Louvre ad Abu Dhabi, ha spiegato, Firenze potrebbe portare gli “Uffizi 2” in una grande città cinese, per esempio a Pechino o a Shanghai, dove poter esporre a rotazione le opere del grande museo fiorentino. Il tutto all’insegna della “condivisione della bellezza”. Nardella ha anche affermato di aver già esposto l’idea al ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini, e al direttore degli Uffizi, Eike Schmidt.

Il direttore non ha chiuso all’idea ma ha detto si tratta di una proposta “da studiare con cura e attenzione, con un grande progetto che faccia leva non solo sul nostro patrimonio artistico e sul nostro nome ma anche su una vasta operazione di digitalizzazione dei nostri tesori”.

Nardella vuole fare gli Uffizi 2 in Cina: una filiale del museo a Shanghai o a Pechino
Nardella vuole fare gli Uffizi 2 in Cina: una filiale del museo a Shanghai o a Pechino


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER