Nascono gli Archivi sugli Italiens de Paris: per studiare Boldini, De Nittis, Zandomeneghi


Da una collaborazione tra Istituto Matteucci di Viareggio e Fondazione Piceni di Milano nascono gli Archivi Boldini-De Nittis-Zandomeneghi.

L’Istituto Matteucci di Viareggio e la Fondazione Enrico Piceni di Milano hanno annunciato la nascita degli Archivi Boldini-De Nittis-Zandomeneghi, nati da una collaborazione tra i due istituti. Anche gli archivi avranno sedi a Milano e Viareggio e diventeranno un punto di riferimento importante per quanti vogliano studiare l’arte dei cosiddetti "Italiens de Paris": appunto, Giovanni Boldini (Ferrara, 1842 – Parigi, 1931), Giuseppe de Nittis (Barletta, 1846 – Saint-Germain-en-Laye, 1884) e Federico Zandomeneghi (Venezia, 1841 – Parigi, 1917).

“La nuova collaborazione”, si legge nel comunicato, “sorge nel segno del rigore, della scientificità e della competenza, imprescindibili in un settore tanto complesso e ricco di insidie”. I due istituti hanno già collaborato per organizzare la mostra Il tempo di Signorini e De Nittis. L’Ottocento aperto al mondo nelle collezioni Borgiotti e Piceni, allestita prima presso la sede dell’Istituto Matteucci a Viareggio, e in questi giorni a Torino agli Spazi Ersel (la mostra si può visitare fino al 28 aprile).

Gli archivi si sono già dotati di un sito web, www.archiviboldinidenittiszandomeneghi.com, all’interno del quale è possibile approfondire le attività degli archivi stessi: “benché Boldini, de Nittis e Zandomeneghi siano stati oggetto di studi meritevoli e d’indagini rigorose”, si legge nella presentazione, “la proliferazione di opere erroneamente attribuite o apocrife è tra le ragioni che hanno reso opportuna la costituzione di una struttura di riferimento per l’archiviazione”. Tra le iniziative dell’archivio si conta infatti la catalogazione delle opere, con l’autenticazione e la schedatura della produzione dei tre Italiens de Paris. Nel sito è possibile reperire anche approfondite biografie, cronologie e bibliografie dei tre pittori.

Nell’immagine: Giovanni Boldini, In giardino (Alaide e Ottavio Banti), opera del 1885.

Nascono gli Archivi sugli Italiens de Paris: per studiare Boldini, De Nittis, Zandomeneghi
Nascono gli Archivi sugli Italiens de Paris: per studiare Boldini, De Nittis, Zandomeneghi


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


La Galleria dell'Accademia fa acquisti alla Biennale di Firenze. Ecco le nuove acquisizioni
La Galleria dell'Accademia fa acquisti alla Biennale di Firenze. Ecco le nuove acquisizioni
Mattarella firma: la riforma dell'esportazione dei beni culturali sarà in vigore dal 29 agosto
Mattarella firma: la riforma dell'esportazione dei beni culturali sarà in vigore dal 29 agosto
Pilar Martínez non è figlia di Salvador Dalí
Pilar Martínez non è figlia di Salvador Dalí
Venezia, Delrio annuncia lo stop alle grandi navi nel bacino di San Marco
Venezia, Delrio annuncia lo stop alle grandi navi nel bacino di San Marco
Palermo è ufficialmente Capitale della Cultura 2018
Palermo è ufficialmente Capitale della Cultura 2018
I carabinieri restituiscono al Belgio una pala rubata e ritrovata in Italia
I carabinieri restituiscono al Belgio una pala rubata e ritrovata in Italia