A New York nascerà un centro per l'arte dedicato agli immigrati


A New York sta per nascere l’Immigrant Research and Performing Arts Center, centro di ricerche e arte dedicato agli immigrati.

La città di New York ha in programma di investire 15 milioni di dollari per la realizzazione di un centro per l’arte dedicato agli immigrati: aprirà nel quartiere di Inwood a Manhattan e sarà gestito da un’organizzazione no-profit che verrà successivamente individuata. Si chiamerà Immigrant Research and Performing Arts Center e il Comune, attraverso il Dipartimento degli Affari Culturali e la NYCEDC - New York City Economic Development Corporation (società senza scopo di lucro che ha come obiettivo lo sviluppo economico della città), ha già lanciato una manifestazione d’interesse per il progetto (con scadenza fissata al 1° di ottobre): il centro avrà un’area teatrale per le performance, aule dove fare lezioni e seminari, sale di registrazione, uffici amministrativi. Prevista anche una collaborazione con la New York Public Library per avviare iniziative educative, e lo stesso avverrà con i centri studi delle comunità immigrate già presenti in città.

L’Immigrant Research and Performing Arts Center fa parte di un piano di sviluppo da 200 milioni di dollari per il quartiere di Inwood, nell’ambito del quale verranno investite risorse per il diritto all’abitazione, per il lavoro, per il rifacimento di strade, parchi e strutture pubbliche. Il piano è già stato approvato ad agosto.

“In un’epoca in cui i migranti sono costantemente sotto attacco”, ha dichiarato Ydanis Rodriguez, consigliere comunale che rappresenta i quartieri di Inwood, Marble Hill e Washington Heights, “questo istituto culturale diventerà un segnale di speranza e un porto sicuro per milioni di immigrati”. A Rodriguez fa eco James Patchett, presidente e AD di NYCEDC: “poiché la comunità di Inwood continua a crescere, siamo molto contenti di supportare le associazioni e gli artisti locali che riflettono la ricchezza culturale del quartiere. L’Immigrant Research and Performing Arts Center sarà uno spazio culturale all’avanguardia nella zona nord di Manhattan e sarà una casa permanente che onorerà la varietà e la storia dei contributi che gli immigrati hanno dato al nostro tessuto culturale”. L’assessore agli affari culturali, Tom Finkelpearl, commenta: “Inwood è casa di una comunità culturalmente vivace, e siamo molto lieti di garantire a questa comunità un nuovo spazio di riferimento che, negli anni a venire, attirerà e coinvolgerà visitatori da tutta la città e non solo”.

Nella foto: il parco di Inwood Hill nel quartiere di Inwood a New York

A New York nascerà un centro per l'arte dedicato agli immigrati
A New York nascerà un centro per l'arte dedicato agli immigrati


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Il caso della censura di Facebook sulla mostra di Marina Abramović a Firenze approda in Parlamento
Il caso della censura di Facebook sulla mostra di Marina Abramović a Firenze approda in Parlamento
Bonisoli: “ho chiesto un concorso per 4.377 posti nei prossimi tre anni”
Bonisoli: “ho chiesto un concorso per 4.377 posti nei prossimi tre anni”
Alberto Angela “Il nostro patrimonio è straordinario e abbiamo il dovere di tutelarlo e di valorizzarlo”
Alberto Angela “Il nostro patrimonio è straordinario e abbiamo il dovere di tutelarlo e di valorizzarlo”
Irlanda, scoperta una nuova Stonehenge
Irlanda, scoperta una nuova Stonehenge
Truly, la mostra di Fabio Viale a Pietrasanta invita a riflettere sul nostro concetto di libertà
Truly, la mostra di Fabio Viale a Pietrasanta invita a riflettere sul nostro concetto di libertà
Dopo vent'anni ha riaperto al pubblico il Teatro antico di Ercolano
Dopo vent'anni ha riaperto al pubblico il Teatro antico di Ercolano