La “Venere e Cupido” di Lucas Cranach il vecchio entra a far parte delle collezioni della National Gallery


La National Gallery di Londra ha acquisito un dipinto di Lucas Cranach il Vecchio raffigurante Venere e Cupido. L’opera appartiene alla serie sullo stesso soggetto.

La National Gallery di Londra ha acquisito un nuovo dipinto, grazie alla generosità del Drue Heinz Charitable Trust, a seguito della morte della signora Heinz avvenuta lo scorso anno. Nel corso della sua vita, quest’ultima è stata una mecenate delle arti molto importante per gli Stati Uniti e la Gran Bretagna.

Il dipinto donato dalla fondazione è Venere e Cupido, opera realizzata da Lucas Cranach il Vecchio (Kronach, 1472 – Weimar, 1553) nel 1529 e rientra nell’ambito di una serie, compiuta tra il 1520 e il 1530) di altri capolavori dell’artista del Rinascimento tedesco che raffigura le due figure mitologiche, madre e figlio.

Venere e Cupido sono in piedi, nudi, in un paesaggio montano. Un’iscrizione latina indica che Cupido ha rubato un alveare e le api lo stanno pungendo. Il significato del dipinto rimanda alla brevità e alla mutevolezza dei piaceri della vita, al contrario delle pene che sono eterne. L’opera è ora visibile nella sala 4 del museo londinese. La National Gallery costudisce anche un’altra opera sullo stesso soggetto: Venere e Cupido (1526 circa). 

www.nationalgallery.org.uk

Nell’immagine: Lucas Cranach il Vecchio, Venere e Cupido (1529; olio su tavola, 38,1 x 23,5 cm; Londra, National Gallery)

La “Venere e Cupido” di Lucas Cranach il vecchio entra a far parte delle collezioni della National Gallery
La “Venere e Cupido” di Lucas Cranach il vecchio entra a far parte delle collezioni della National Gallery


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER