Parma è ufficialmente la Capitale Italiana della Cultura 2020


Sarà Parma la Capitale Italiana della Cultura 2020. La città emiliana andrà dunque a succedere a Palermo 2018.

Sarà Parma la Capitale Italiana della Cultura 2020. La vincitrice è stata comunicata pochi minuti fa dal presidente della giuria di selezione, Stefano Baia Curioni, nel corso della conferenza convocata presso la Sala Spadolini del Ministero dei Beni Culturali, nella sede del Collegio Romano.

Parma ha avuto la meglio su altre nove finaliste: Agrigento, Bitonto, Casale Monferrato, Macerata, Merano, Nuoro, Piacenza, Reggio Emilia e Treviso. La città emiliana ospiterà dunque, per tutto il 2020, eventi culturali, mostre, e attività di rilievo per “far recepire in maniera sempre più diffusa il valore della leva culturale per la coesione sociale, l’integrazione, la creatività, l’innovazione, lo sviluppo economico e il benessere individuale e collettivo”. Parma segue dunque Ravenna, Cagliari, Lecce, Perugia e Siena (le cinque capitali del 2015), Mantova (2016), Pistoia (2017) e Palermo (2018), mentre per il 2019 non è prevista la capitale italiana dal momento che l’Italia avrà Matera come capitale europea della cultura.

Nel corso della conferenza, Stefano Baia Curioni ha ringraziato i sindaci e i comitati promotori delle città candidate, oltre ai membri della commissione che ha scelto la capitale italiana.

Immagine: Parma, piazza del Duomo. Ph. Credit Liam Wyatt

Parma è ufficialmente la Capitale Italiana della Cultura 2020
Parma è ufficialmente la Capitale Italiana della Cultura 2020


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER