Pisa, completato il restauro della cappella medievale di Sant'Agata


A Pisa termina il restauro della cappella medievale di Sant’Agata, che versava in pessime condizioni di conservazione. Sono state scoperte anche tracce di affreschi.

A Pisa si è concluso il restauro della cappella di Sant’Agata, situata nella zona absidale della chiesa di San Paolo a Ripa d’Arno. Di proprietà comunale, versava da anni in grave stato di degrado. L’importo dei lavori ammonta a 348mila euro, di cui il 75% grazie al cofinanziamento della Fondazione Pisa e il restante con risorse proprie comunali. Il progetto e la direzione dei lavori sono stati curati dall’architetto Roberto Pasqualetti. La cappella aprirà alla cittadinanza il prossimo 5 febbraio, dedicato al culto di sant’Agata. 

Il monumento si trova in un piccolo giardino di forma quadrangolare, delimitato a ovest dall’abside della chiesa di San Paolo a Ripa d’Arno, a sud e ad est da due complessi residenziali e a sud dalla via di San Paolo. Uno spazio, quello che circonda la cappella, che appare fortemente mutato dalla distruzione e successiva ricostruzione dovuta ai bombardamenti della Seconda guerra mondiale. Le mappe storiche evidenziano come la cappella fosse perimetrata dal chiostro del monastero Vallombrosiano su tutti i lati dell’attuale giardino. Gli eventi bellici del 1943 hanno compromesso in modo irrimediabile gran parte degli edifici del perimetro, compreso il campanile di San Paolo a Ripa d’Arno. In seguito al progetto di ricostruzione ad opera dell’allora Soprintendente, l’ingegner Piero Sanpaolesi (1955 circa), vennero demoliti tutti gli edifici oramai fatiscenti. La data di costruzione e l’autore della cappella non sono certi. Non esiste, infatti, nessuna iscrizione che riveli l’anno di edificazione. La tradizione locale vuole tuttavia che la chiesa sia stata fatta edificare nella seconda metà dell’XI secolo dai canonici di San Paolo al ritorno dalla presa di Palermo (1063) dalla quale fu importato il culto di Sant’Agata.

Il progetto di restauro della cappella è stato preceduto da una approfondita indagine conoscitiva curata dal gruppo di ricerca del Dipartimento di Architettura dell’Università degli studi di Firenze. Oltre a opere di consolidamento e conservazione, il restauro si è esteso fino a una profonda riqualificazione dell’area tesa alla valorizzazione di questa parte della città. La precedente pavimentazione in piastrelle di clinker grigio di scarso valore che cingevano la cappella è stata sostituita con un sottile strato di pavimentazione drenante composto di un inerte di colore chiaro, con il duplice scopo di sostituire una pavimentazione oramai logora e con diverse lacune e come opera necessaria a favorire la conservazione delle murature al piede della cappella, soggette all’umidità dovuta alla risalita capillare dal terreno. Le opere di sistemazione hanno previsto poi puntuali interventi di risarcimento degli intonaci e tinteggiatura della superficie del muro di cinta a sud e una revisione generale del sistema di illuminazione esterna.

Sulle superfici particolarmente pregiate, nello specifico sulle colonne in materiale lapideo delle trifore, sul colonnino posto sulla sommità della cuspide e sulle superfici in laterizio dove, dall’analisi dei documenti d’archivio della Soprintendenza, si suppone siano presenti decorazioni ad affresco, si è resa necessaria una più intensa opera di pulitura attraverso impacchi a base di solventi. Questa delicata e accurata fase di intervento ha reso possibile individuare la reale consistenza dell’apparato decorativo dell’intera cappella, ridotto purtroppo a piccoli lacerti di affresco concentrati sulle superfici degli archi delle trifore, negli archetti ciechi e nelle ghiere degli archi che sottendono i tamponamenti delle pareti perimetrali. Tra le decorazioni ritrovate, degne di nota sono quelle ritrovate sulle superfici sottese agli archetti ciechi nella porzione nord del manufatto: piccoli frammenti di affresco di pregevole fattura che rappresentano dei volti in fondo ocra. Decorazioni che, oltre al valore di testimonianza documentale, rappresentano un effettivo valore di pregevole fattura artistica, in quanto, realizzati su un sottile strato di calce applicato direttamente sul laterizio su superfici esterne.

I lavori hanno riguardato poi il consolidamento della muratura: la ricostruzione ha permesso di eliminare molte cause che, in passato, hanno determinato i vari degradi e alterazioni della struttura. Si è provveduto inoltre al restauro degli infissi.

Quanto all’interno, le superfici interne della cappella sono in pessimo stato di conservazione. Le infiltrazioni d’acqua e il conseguente proliferare di patine biologiche ha reso oggi difficile apprezzare il ricco apparato decorativo. La superficie in laterizio è caratterizzata per molta parte, da una raffinata finitura superficiale, con una complessa stratigrafia nella parte piramidale, che risulta essere stata affrescata. Sull’intera superficie è applicato un sottilissimo strato preparatorio a base di calce e legante organico, su cui è applicata la decorazione di cui oggi è difficile definire la vera consistenza. L’attuale cattivo stato di conservazione della superficie è da attribuire agli ultimi interventi di restauro realizzati tra la ricostruzione post-bellica e i primi anni ‘70 dello scorso secolo. Dalle fotografie storiche ritrovate si evince come prima dei restauri degli anni 50’, la superficie interna ed esterna della copertura fosse intonacata. Con l’intenzione di ripristinarne l’originaria immagine, in questo periodo si decide di rimuovere l’intonaco in favore di una superficie in laterizio faccia vista. Organizzazione interna. Il progetto, infine, ha previsto una sensibile riconfigurazione dell’organizzazione spaziale interna. L’altare, una lastra lapidea che poggia sulla parte posteriore su due pilastri in ferro realizzati durante i restauri del 1964-71, era posizionato distante dalla parte opposta all’ingresso, ed è stato riposizionato in aderenza alla parete stessa secondo la sua collocazione originale. La lapide in marmo, appesa alla sinistra dell’altare è stata incassata sul filo della pavimentazione e al centro della stessa, i frammenti di archi in materiale lapideo sono stati staccati dalla parete per essere ricollocati su un apposita struttura indipendente all’interno dello spazio della cappella.

Le dichiarazioni

“La cappella medievale di Sant’Agata è immersa in un contesto storico ricco di emergenze monumentali di grande rilievo”, spiega il Sindaco di Pisa Michele Conti. “Nelle sue immediate vicinanze anche la chiesa di Sant’Antonio in Qualquonia, in totale stato di abbandono, per il quale il Comune di Pisa ha recentemente ottenuto 900mila euro di finanziamento dai fondi del PNRR per la rigenerazione urbana. Queste due operazioni testimoniano la grande attenzione della nostra amministrazione per la conservazione e la valorizzazione del patrimonio storico-artistico della città. Per il recupero della cappella Sant’Agata ci tengo a ringraziare la Fondazione Pisa, senza il cui contributo fondamentale non sarebbe stato possibile essere qui oggi. Adesso dobbiamo lavorare per valorizzare questo nuovo spazio, inserendolo negli itinerari turistici della nostra città e magari, anche attraverso la collaborazione con associazioni del territorio, rendendolo vivo e frequentato con iniziative culturali per cittadini e ospiti”.

“La Fondazione Pisa”, dice il presidente della Fondazione Pisa, Stefano Del Corso, “ha accolto con sollecitudine nel 2020 la richiesta di sostegno, giunta dall’amministrazione comunale, per il recupero della Cappella di Sant’Agata, riscontrando l’immediata esecutività del progetto di intervento presentato, che prevedeva il restauro completo delle parti murarie della copertura e delle pareti esterne, nonché degli infissi e del pavimento interno. Un intervento complesso e necessario che si aggiunge a quelli per la chiesa di San Paolo a Ripa d’Arno per i quali la Fondazione Pisa si è impegnata da lungo tempo e che nel loro insieme contribuiscono al recupero di un’area tra le più belle a Pisa. L’intervento sulla Cappella di Sant’Agata, un bene di grande importanza storica, edificata probabilmente intorno al 1063, va appunto inserito nel conteso del più ampio intervento di riqualificazione della zona circostante, cofinanziato dalla Fondazione, già realizzato con il restauro strutturale ed architettonico della Chiesa di San Paolo a Ripa d’Arno e la parziale riqualificazione della piazza antistante la Chiesa. Ci teniamo a sottolineare l’importanza anche dell’intervento sull’area verde esterna alla Cappella Sant’Agata, che sarà dotata di idonea illuminazione per lo svolgimento di manifestazioni a carattere culturale o ludico. Con la previsione di recintare l’area con una cancellata. Un modo indispensabile per preservare il bene, una volta tornato al suo splendore. Oggi partecipiamo con piacere a questo momento di presentazione pubblica dei lavori compiuti, in vista della restituzione alla cittadinanza di un’area recuperata e vivibile”.

“Si è trattato di un restauro importante”, spiega l’assessore ai lavori pubblici del comune di Pisa Raffaele Latrofa, “con interessanti accorgimenti tecnici, tutti concordati con la Soprintendenza, che sono andati ad intervenire in maniera poco invasiva ma efficace sulla struttura e con altri all’esterno, con un segno che rimanda dell’antiche sedime, marcato dall’erba e dalla ghiaia, e con una cancellata elegante che ne delimita lo spazio e impedisce l’accesso ai malintenzionati, anche se intendiamo rendere fruibile questo luogo alla cittadinanza. Infine, è molto suggestiva la nuova illuminazione per valorizzare questo bene storico così vicino alla chiesa di San Paolo in Ripa d’Arno e alla Quarquonia”.

Pisa, completato il restauro della cappella medievale di Sant'Agata
Pisa, completato il restauro della cappella medievale di Sant'Agata


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Compra un dipinto in una discarica per 5 $ e si scopre che è un'opera di David Bowie
Compra un dipinto in una discarica per 5 $ e si scopre che è un'opera di David Bowie
Rubato dipinto di van Gogh nell'anniversario della nascita del pittore
Rubato dipinto di van Gogh nell'anniversario della nascita del pittore
Pesaro, restyling per la celeberrima libreria di Palazzo Mosca
Pesaro, restyling per la celeberrima libreria di Palazzo Mosca
Franceschini cancella Bonisoli: sbloccata la circolazione delle opere sotto i 13.500 euro
Franceschini cancella Bonisoli: sbloccata la circolazione delle opere sotto i 13.500 euro
Il Politecnico di Torino entra nel grande spazio digitale d'archivio sulla storia del Novecento
Il Politecnico di Torino entra nel grande spazio digitale d'archivio sulla storia del Novecento
Sta per aprire a Gorizia la prima arena permanente per show multimediali. Il primo su Van Gogh
Sta per aprire a Gorizia la prima arena permanente per show multimediali. Il primo su Van Gogh