Riace, la Soprintendenza: “improprio e prematuro attribuire i reperti scoperti al contesto dei bronzi”


Sulla presunta scoperta dell’occhio mancante dei bronzi di Riace è intervenuta stamani la Soprintendenza di Reggio Calabria: il reperto è in fase di analisi e per il momento, fa sapere l’ente, è improprio e prematuro attribuirlo al contesto di provenienza dei bronzi.

Scoperto l’occhio del bronzo B di Riace? In Calabria e a Riace l’entusiasmo è alle stelle, ma come scrivevamo ieri sera sulla nostra testata non si può ancora dire niente di certo, né stabilire con sicurezza se il reperto rinvenuto nel mar Ionio davanti a Riace Marina sia un occhio oppure, per esempio, una borchia. E stamani, a frenare gli entusiasmi, è giunto un comunicato della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Reggio Calabria e Vibo Valentia, che sta analizzando il reperto e fa sapere che al momento è improprio e prematuro attribuire quanto rinvenuto al contesto di provenienza dei bronzi.

La soprintendenza è molto attiva nel campo della tutela archeologica subacquea e monitora costantemente i fondali di relativa competenza grazie al lavoro del proprio Funzionario Archeologo subacqueo. Soprattutto durante i mesi estivi, raccoglie numerose segnalazioni di appassionati e di professionisti che si immergono nei mari calabresi e notano la presenza di reperti o individuano strane anomalie. Ed è compito della soprintendenza, in costante collaborazione con i Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Cosenza e del Nucleo Subacquei di Messina, riscontrare ognuna delle segnalazioni pervenute e agire di conseguenza con le attività di tutela e conservazione più idonee per la salvaguardia di contesti e reperti di interesse archeologico. Una di queste segnalazioni, fa sapere stamani l’ente, è pervenuta al Soprintendente Fabrizio Sudano in data 2 agosto 2023, tramite denuncia di rinvenimento fortuito di reperti archeologici avvenuto sui fondali davanti a Riace. Così, la mattina del 3 agosto 2023, un funzionario archeologo della soprintendenza, supportato dai Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Cosenza, ha provveduto a recuperare i reperti dall’abitazione dello scopritore, per un totale di 9 manufatti di interesse archeologico, trasferendoli presso i depositi del Museo Archeologico di Medma - Rosarno dove, successivamente, sono stati periziati dal funzionario archeologo responsabile per il settore subacqueo. La Soprintendenza di Reggio Calabria e Vibo Valentia, si legge in una nota, “prende atto della conferenza stampa svoltasi sabato 21/10/2023 a Riace e informa che sta procedendo alle verifiche tecniche, agli approfondimenti del caso e al sopralluogo necessari a rispondere alle domande e ai dubbi sulla provenienza e sul contesto di rinvenimento dei reperti in questione. Infatti, in totale accordo con i Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Cosenza e del Nucleo Subacquei di Messina, sono stati presi contatti diretti con un laboratorio universitario di primissimo livello specializzato per le analisi chimico-fisiche delle componenti materiche dei reperti ed eventuali alterazioni ed è stato programmato il sopralluogo istituzionale sui fondali di Riace. A quest’ultimo è stato invitato a partecipare lo scopritore anche al fine di indicare il punto esatto del rinvenimento, in considerazione del fatto che, nel verbale di consegna dei reperti, redatto il 3 agosto, lo Stesso ha dichiarato di aver trovato il primo reperto a una distanza di circa 120-150 metri dalla battigia e gli altri manufatti alla distanza di circa 6-7 m dal primo rinvenimento, senza ulteriori indicazioni di orientamento. A seguito della mancata disponibilità a partecipare al sopralluogo da parte dello Scopritore, lo stesso ha fornito, in data 10 ottobre 2023, le coordinate del luogo di rinvenimento, che ha dichiarato di aver acquisito qualche giorno dopo, nonché la batimetria”.

Di conseguenza, nei prossimi giorni avrà luogo, sulle coordinate fornite dallo scopritore, il sopralluogo istituzionale condotto dal funzionario archeologo subacqueo della Soprintendenza di Reggio Calabria e Vibo Valentia con il supporto tecnico operativo del Nucleo Carabinieri subacquei di Messina e il presenziamento dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Cosenza. “Questa attività”, prosegue la soprintendenza, “è volta alla verifica dei fondali con prelievo di campioni dei sedimenti marini ai fini delle successive analisi comparative per cercare di chiarire, nel più breve tempo possibile, tutti gli interrogativi legati a questo rinvenimento. In attesa dell’esito del sopralluogo, dopo il quale sarà diramato un nuovo comunicato stampa, si ritiene improprio e prematuro attribuire uno o più dei reperti rinvenuti l’1 agosto al contesto di provenienza dei Bronzi di Riace. Si coglie l’occasione per sottolineare l’importanza, in caso di rinvenimento fortuito, come disposto dal Codice dei beni Culturali e del Paesaggio (art. 90 del D.lgs 42/2004), di lasciare le cose mobili e immobili nelle condizioni e nel luogo in cui sono state rinvenute dandone denuncia entro le 24 ore. In caso di cose mobili delle quali non si possa altrimenti assicurare la custodia, lo scopritore ha facoltà di rimuoverle per meglio garantirne la sicurezza e la Ministero della cultura. Per quanto attiene i beni culturali provenienti da ambiente marino, si esorta a dare immediata comunicazione del rinvenimento ai fini di una pronta presa in custodia degli stessi per una corretta conservazione”.

Riace, la Soprintendenza: “improprio e prematuro attribuire i reperti scoperti al contesto dei bronzi”
Riace, la Soprintendenza: “improprio e prematuro attribuire i reperti scoperti al contesto dei bronzi”


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020