Romania, il Castello di Dracula diventa un centro vaccinale


Per accelerare la campagna vaccinale, in Romania diventa un centro vaccinazioni anti-Covid anche il Castello di Bran, uno dei monumenti più gettonati del paese.

In Romania, il Castello di Bran, ovvero il maniero che nell’immaginario collettivo è noto come il “Castello di Dracula” perché pare abbia ispirato il noto libro di Bram Stoker del 1897 (oggi invece è un gettonatissimo museo che racconta la storia della Transilvania), diventa un centro vaccinale per invogliare i rumeni a vaccinarsi contro il Covid-19. Ogni fine settimana a partire da maggio, fuori dal castello, dottori e infermieri garantiranno dosi del vaccino Pfizer-Biontech a chiunque lo voglia, senza appuntamento, e la dose verrà somministrata da un operatore sanitario che sul camice avrà un adesivo con i canini da vampiro. Ogni visitatore che deciderà di vaccinarsi riceverà inoltre un “diploma vaccinale” e la possibilità di visitare gratuitamente la sala delle torture del castello, che ospita una collezione di 52 strumenti di tortura medievali.

Da quando la campagna vaccinale al castello di Bran è stata lanciata, centinaia di persone si sono avvalse del servizio, che al momento è aperto soltanto ai residenti in Romania (quindi le dosi non potranno essere somministrate ai turisti). La campagna rientra nel quadro di una serie di iniziative per accelerare le vaccinazioni: il governo rumeno spera infatti di raggiungere i 5 milioni di vaccinati (su una popolazione di 19 milioni) per tornare al più presto alla normalità.

Nella foto: il Castello di Bran. Foto di Dobre Cezar

Romania, il Castello di Dracula diventa un centro vaccinale
Romania, il Castello di Dracula diventa un centro vaccinale


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma