Rubato il wc d'oro di Maurizio Cattelan in Inghilterra


È stato rubato America, il water d’oro di Maurizio Cattelan, la famosissima opera del Guggenheim di New York che ha fatto molto discutere sia quando è stata presentata per la prima volta al pubblico, sia quando fu offerta a Donald Trump che aveva chiesto al museo newyorkese un quadro di van Gogh per la Casa Bianca (che gli fu negato: la controproposta del museo fu proprio il wc di Cattelan). 

Da appena due giorni l’opera era in mostra in una personale di Cattelan in Inghilterra, a Blenheim Palace, storica residenza di campagna nell’Oxfordshire nota per aver dato i natali a Winston Churchill. America è un wc realmente funzionante (tanto che l’organizzazione della mostra invita il pubblico a utilizzarlo, previa prenotazione, per un massimo di tre minuti), così i ladri, per rubarla, hanno dovuto anche smontarla dall’impianto idraulico provocando danni importanti.

L’opera, in oro a 18 carati, ha un valore di un milione di dollari, ma è molto difficile da piazzare sul mercato. Il furto è avvenuto verso le 5 di stamattina, ed è già stato arrestato dalla polizia inglese un uomo di 66 anni ritenuto tra i responsabili. Dell’opera però ancora non c’è traccia. Nel frattempo il museo è rimasto chiuso tutto il giorno per consentire alle autorità di compiere i rilievi dando inizio alle indagini, e agli idraulici di sistemare i danni, che hanno anche provocato allagamenti. 

Rubato il wc d'oro di Maurizio Cattelan in Inghilterra
Rubato il wc d'oro di Maurizio Cattelan in Inghilterra


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma