Il Salvator Mundi attribuito a Leonardo e sparito? Forse è sullo yacht del principe dell'Arabia Saudita...


Che fine ha fatto il Salvator Mundi attribuito a Leonardo da Vinci, l'opera da 450 milioni di dollari? Forse è sullo yacht del principe dell'Arabia Saudita...

Da diversi mesi tutti si chiedono che fine abbia fatto il Salvator Mundi, la tavola attribuita a Leonardo da Vinci aggiudicata in asta da Christie’s nel 2017 per 450 milioni di dollari, che l’hanno resa l’opera più costosa mai passata in un’asta. La soluzione del giallo potrebbe però essere vicina, e a rivelare nuovi retroscena è il sito specializzato artnet news: l’editorialista Kenny Schachter, citando fonti proprie (tra cui due protagonisti della transazione), sostiene che l’opera si trovi sul Serene, lo yacht del principe saudita Mohammed bin Salman, il trentatreenne figlio di re Salman dell’Arabia Saudita.

Secondo le fonti di Schachter, il principe ha intenzione di tenere l’opera sul suo megayacht (un’imbarcazione costruita nel 2011 per il magnate russo della vodka Jurij Shefler, quindi noleggiata a Bill Gates per 5 milioni di dollari a settimana, e infine venduta a Mohammed bin Salman per circa 500 milioni di euro) finché non finirà la costruzione dell’hub culturale di Al-Ula, a cui la tavola attribuita a Leonardo sarebbe destinata. Al-Ula è una cittadina di appena cinquemila abitanti nel mezzo del deserto arabo, lontana 300 km da Medina, ma è uno dei siti archeologici più importanti del paese: è una sorta di Petra saudita e a una ventina di chilometri dall’abitato c’è anche il primo patrimonio Unesco dell’Arabia Saudita, il sito di Al-Hijr, antica città scavata nella roccia. L’Arabia intende fare di Al-Ula una gettonatissima meta turistica (“fondamentalmente, una Disneyland dell’arte”, sottolinea Schachter), e tra le strutture che apriranno in zona ci sarà anche una rete di musei centrata sulla civiltà araba, ma che accoglierà anche opere occidentali, e che dovrà fare concorrenza al Louvre Abu Dhabi.

Al momento, l’editoriale di Schachter è l’unica fonte sulla possibile ubicazione del Salvator Mundi. E la storia raccontata non sembra poi così improbabile. Inoltre, se davvero le intenzioni del principe sono di tenere l’opera con sé, il Louvre Abu Dhabi può pure dire addio alla mostra che avrebbe visto il Salvator Mundi come grande protagonista...

Nell’immagine, il Salvator Mundi attribuito a Leonardo da Vinci (1499 circa; olio su tavola; 65,6 x 45,4 cm; Collezione privata)

Il Salvator Mundi attribuito a Leonardo e sparito? Forse è sullo yacht del principe dell'Arabia Saudita...
Il Salvator Mundi attribuito a Leonardo e sparito? Forse è sullo yacht del principe dell'Arabia Saudita...


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER