Ercolano, terminato il restauro della Casa dei Cervi


Terminati gli interventi di restauro alla Casa dei Cervi agli Scavi di Ercolano

Terminati i lavori di restauro alla Casa dei Cervi presso gli Scavi di Ercolano. Gli interventi hanno interessato la facciata, sulla quale è stata svolta una manutenzione straordinaria degli intonaci, ed è stato ripristinato il percorso originale che collega la terrazza di Marco Nonio Balbo al centro urbano antico.

I lavori sono stati compiuti dallo staff tecnico e scientifico del Parco Archeologico, in collaborazione con Herculaneum Conservation Project, intervenendo sugli intonaci più antichi che stavano quasi per staccarsi e su quelli più recenti. 

Il direttore del Parco Archeologico di Ercolano, Francesco Sirano, ha reso noto che, nel corso del restauro, è stata eseguita una manutenzione straordinaria su tutti gli intonaci ed è stata smontata la pensilina obliqua che era stata collocata per evitare la caduta di questi ultimi, causando un pericolo per i visitatori. 

La Casa dei Cervi era una domus con terrazza appartenuta a uno schiavo che presenta un piano terra e un piano superiore, di cui è visibile il ballatoio. Significativo è il criptoportico affrescato, decorato con nature morte. Nel giardino della domus sono invece collocate due statue di cervi assaliti da un branco di cani: da qui deriva la denominazione della casa. Presenti anche un satiro con otre e una statua raffigurante Ercole ubriaco

Nell’immagine, una delle statue con cervo attaccato da cani

Ercolano, terminato il restauro della Casa dei Cervi
Ercolano, terminato il restauro della Casa dei Cervi


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma