Dopo sessant'anni torna a Paestum una statuetta portata a casa da un bambino


Sono passati sessant’anni: un cittadino statunitense ha riconsegnato al Parco Archeologico di Paestum una statuetta d’avorio che da bambino si portò a casa.

Sessant’anni fa, nel 1958, Bob Martin, allora bambino, portò a casa un ricordino dal Parco Archeologico di Paestum: era convinto si trattasse di un osso di un legionario romano.

Solo dopo tutti questi anni, il cittadino statunitense è tornato a Paestum e ha riconsegnato ciò che si era portato via: una statuetta d’avorio che, da un’analisi preliminare del direttore del Parco Archeologico di Paestum, Gabriel Zuchtriegel, sembra raffigurare il dio Dioniso con la cornucopia, simbolo dell’abbondanza.

Martin è stato accolto dallo stesso Zuchtriegel: ora la statuetta sarà pulita e studiata dagli archeologi del Parco per poter essere esposta eventualmente nel Museo di Paestum.

Fonte: Ansa

 

 

 

Dopo sessant'anni torna a Paestum una statuetta portata a casa da un bambino
Dopo sessant'anni torna a Paestum una statuetta portata a casa da un bambino


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Il Codacons invia un esposto al Tribunale della Città del Vaticano per l'eccessivo affollamento dei Musei Vaticani
Il Codacons invia un esposto al Tribunale della Città del Vaticano per l'eccessivo affollamento dei Musei Vaticani
Napoli, insulto a Palazzo Reale: quattro donne si fanno un selfie sul trono borbonico
Napoli, insulto a Palazzo Reale: quattro donne si fanno un selfie sul trono borbonico
Montepulciano: al via i restauri del polittico di Taddeo di Bartolo
Montepulciano: al via i restauri del polittico di Taddeo di Bartolo
La Cena in Emmaus di Caravaggio è in viaggio verso Parigi
La Cena in Emmaus di Caravaggio è in viaggio verso Parigi
Deturpato con scritte e disegni il murale sul Tevere di William Kentridge
Deturpato con scritte e disegni il murale sul Tevere di William Kentridge
Un nome per il nuovo blu
Un nome per il nuovo blu



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020