Dopo sessant'anni torna a Paestum una statuetta portata a casa da un bambino


Sono passati sessant’anni: un cittadino statunitense ha riconsegnato al Parco Archeologico di Paestum una statuetta d’avorio che da bambino si portò a casa.

Sessant’anni fa, nel 1958, Bob Martin, allora bambino, portò a casa un ricordino dal Parco Archeologico di Paestum: era convinto si trattasse di un osso di un legionario romano.

Solo dopo tutti questi anni, il cittadino statunitense è tornato a Paestum e ha riconsegnato ciò che si era portato via: una statuetta d’avorio che, da un’analisi preliminare del direttore del Parco Archeologico di Paestum, Gabriel Zuchtriegel, sembra raffigurare il dio Dioniso con la cornucopia, simbolo dell’abbondanza.

Martin è stato accolto dallo stesso Zuchtriegel: ora la statuetta sarà pulita e studiata dagli archeologi del Parco per poter essere esposta eventualmente nel Museo di Paestum.

Fonte: Ansa

 

 

 

Dopo sessant'anni torna a Paestum una statuetta portata a casa da un bambino
Dopo sessant'anni torna a Paestum una statuetta portata a casa da un bambino


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER