Le domeniche gratuite ai musei statali tornano in modo permanente


Tornano in modo permanente le prime domeniche del mese gratuite in tutti i musei e luoghi della cultura statali. 

Oggi, 2 febbraio 2020, torna la #domenicalmuseo, come ogni prima domenica del mese, e questa volta torna in modo permanente.

Ad annunciarlo il ministro del MiBACT, Dario Franceschini, che ha dichiarato durante il question time della Camera dei Deputati: “La sperimentazione dell’accesso gratuito nei musei e siti archeologici statali la prima domenica del mese ha avuto un grande successo. In alcune domeniche è diventata una vera festa di popolo, con più persone nei musei che negli stadi della serie A. Oltre 17 milioni da quando è stata istituita con alcune edizioni che hanno superato i 430.000 visitatori nei soli musei statali. Sia i numeri raggiunti che l’esigenza di stabilizzare un’abitudine, mi hanno portato a confermare la permanenza della domenica gratuita per tutto l’anno, sistema rivelatosi più efficace anche in termini comunicativi. Ho perciò già inviato al Consiglio di Stato il nuovo schema di decreto che ritorna al sistema felicemente sperimentato dal 2014, che ha prodotto un significativo incremento della conoscenza e della fruizione del patrimonio e un aumento degli introiti: i dati evidenziano un rapporto virtuoso tra numero di accessi gratuiti e numero di visitatori paganti”.

A questo link l’elenco completo dei musei e dei luoghi della cultura statali che partecipano alla domenica gratuita.

Nell’immagine: la Reggia di Caserta. Ph. Credit Miguel Hermoso Cuesta

Le domeniche gratuite ai musei statali tornano in modo permanente
Le domeniche gratuite ai musei statali tornano in modo permanente


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma