Il sarcofago in granito nero rinvenuto ad Alessandria d'Egitto custodiva tre scheletri e oggetti d'oro


Un team di ricercatori ha analizzato il contenuto del sarcofago nero in granito ritrovato ad Alessandria d’Egitto: gli scheletri di due uomini e di una donna e oggetti d’oro.

L’interno del sarcofago in granito nero ritrovato circa due mesi fa ad Alessandria d’Egitto custodiva tre scheletri: due uomini e una donna. Accanto alle ossa sono stati rinvenuti degli oggetti d’oro incisi risalenti presumibilmente all’epoca tolemaica.

Le prime analisi sono state compiute da un team di ricercatori diretti da Zeinab Hashish, direttore del Dipartimento degli Studi del Ministero delle Antichità: gli archeologi hanno potuto definire il sesso e l’età degli scheletri esaminando l’anatomia del cranio, del bacino e delle ossa longitudinali.
Al momento del decesso la donna aveva un’età compresa tra i 20 e i 25 anni ed era alta circa 1,60 metri; l’uomo più giovane aveva tra i 35 e i 39 anni, mentre quello di età maggiore aveva tra i 40 e i 44 anni.

Gli oggetti d’oro di forma rettangolare, secondo Mostafa Waziri, segretario generale del Consiglio Supremo delle Antichità, presentano disegni incisi che potrebbero corrispondere a simboli guerrieri.

Fonte: Le Figaro

 

Il sarcofago in granito nero rinvenuto ad Alessandria d'Egitto custodiva tre scheletri e oggetti d'oro
Il sarcofago in granito nero rinvenuto ad Alessandria d'Egitto custodiva tre scheletri e oggetti d'oro


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER