Il Comune di Trieste chiude tutti i musei causa manifestazioni dei no green pass


Per timori legati alle manifestazioni dei no green pass, il Comune di Trieste ha chiuso tutti i musei civici e i luoghi della cultura dal 22 al 25 ottobre. Quattro giorni senza cultura: ma la manifestazioni sono state poi annullate. 

A Trieste, il Comune decide di chiudere tutti i luoghi della cultura (musei, biblioteche, sale espositive) per ben quattro giorni, da venerdì 22 fino a lunedì 25 ottobre, per timori legati alle manifestazioni dei no green pass. L’annuncio era stato dato giovedì: poi, com’è noto, le manifestazioni sono state annullate e la protesta è continuata con un presidio in piazza Unità d’Italia. Ciò nonostante, musei e biblioteche sono rimasti comunque chiusi.

Porte chiuse, dunque, al Museo Revoltella, al Museo di Storia Naturale, al Museo d’Arte Orientale, al Museo Schmidl, al Museo Sartorio e in diversi altri importanti centri della cultura cittadina. L’idea del Comune non è stata seguita da altri enti: il Castello di Miramare, museo statale, è rimasto regolarmente aperto e così anche il Museo della Comunità Ebraica di Trieste, privato. Molti i disagi per i gruppi e i singoli che avevano programmato il loro viaggio da tutta Italia e si sono dunque trovati costretti a passare un fine settimana a Trieste senza cultura: molti hanno optato per il Castello di Miramare, che ha registrato oltre mille accessi nella giornata di sabato. E adesso la domanda è se fosse davvero necessario chiudere tutti i luoghi della cultura.

Il Comune di Trieste chiude tutti i musei causa manifestazioni dei no green pass
Il Comune di Trieste chiude tutti i musei causa manifestazioni dei no green pass


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER