Il Museo della Tonnara di Stintino trova davanti all'ingresso alcuni reperti archeologici avvolti in stracci con un biglietto


Sono stati trovati dal personale del Mut - Museo della Tonnara di Stintino alcuni reperti archeologici avvolti in stracci con un biglietto: un donatore anonimo?

Alcuni giorni fa sono stati trovati davanti all’ingresso del Mut, Museo della Tonnara di Stintino, reperti archeologici avvolti in stracci all’interno di cassette di plastica accompagnati da un biglietto con scritto "reperti Pelosa".
Si tratta di un’anfora di epoca romana, piatti, tazze e una brocca di epoca post-medievale.

A lasciare i reperti di fronte all’ingresso del museo sarebbe stato un anonimo donatore, che si è preoccupato di scrivere probabilmente anche il luogo dove sono stati rinvenuti.

I dodici pezzi sono stati così trovati dal personale del Mut, che ha denunciato il fatto alla Soprintendenza e al Comune di Stintino.

Il soprintendente Francesco Di Gennaro ha affermato che “portare via i reperti dai loro luoghi è sbagliato. Sono mezzi di conoscenza, devono essere raccolti con metodi scientifici e contestualizzati nell’ambito del loro ritrovamento”.

La direttrice del museo, Esmeralda Ughi, ha commentato: “Le persone si rendono conto che il museo è un’istituzione pubblica e assumono la consapevolezza che questi oggetti sono beni pubblici e devono essere restituiti alla collettività”.

Fonte: Ansa

 

 

Il Museo della Tonnara di Stintino trova davanti all'ingresso alcuni reperti archeologici avvolti in stracci con un biglietto
Il Museo della Tonnara di Stintino trova davanti all'ingresso alcuni reperti archeologici avvolti in stracci con un biglietto


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER