“È un'illusione ottica”: turista italiano in Portogallo si sbaglia, cade dentro un'opera di Anish Kapoor e va all'ospedale


Un turista italiano è caduto dentro un’opera di Anish Kapoor, finendo all’ospedale: non pensava che fosse vera...

Non credeva che quel buco sul pavimento, ovvero l’opera Discesa al limbo di Anish Kapoor (Mumbai, 1954), un’installazione concepita nel 1992, fosse vero: riteneva che si trattasse di un’illusione ottica. Così, un turista italiano in visita al Museo Serralves di Porto, in Portogallo, si è sporto sopra l’opera, non rendendosi conto che in realtà il buco c’era davvero ed era profondo due metri e mezzo. Il malcapitato ci è pertanto caduto dentro, rimendiando diverse contusioni, tanto da dover essere portato all’Hospital Geral de Santo António di Porto per essere medicato. Nel frattempo, il museo ha chiuso l’opera, affermando tuttavia che erano state messe in atto tutte le misure di sicurezza per garantire l’incolumità dei visitatori: ad ogni modo, data l’esperienza del nostro connazionale, la direzione ha fatto sapere che il rischio sarà meglio segnalato.

Quanto al turista, fortunatamente per lui, se l’è cavata con poco, ed è stato dimesso dopo poco tempo. Ma il suo... errore di calcolo può essere ben iscritto nelle peggiori figuracce di quest’estate!

Nell’immagine, l’opera di Anish Kapoor.

“È un'illusione ottica”: turista italiano in Portogallo si sbaglia, cade dentro un'opera di Anish Kapoor e va all'ospedale
“È un'illusione ottica”: turista italiano in Portogallo si sbaglia, cade dentro un'opera di Anish Kapoor e va all'ospedale


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER