UNESCO: cooperazione, sostegno, ricerca e digitale per la ripresa museale post-Covid


L’UNESCO ha pubblicato una nuova indagine che analizza la situazione dei musei dopo un anno di pandemia e che fornisce alcuni suggerimenti per la ripresa. 

Una nuova indagine pubblicata dall’UNESCO analizza la situazione dopo un anno di pandemia da Covid-19 di 104mila musei di 87 Stati membri. In media lo scorso anno i musei sono stati chiusi 155 giorni e molti sono stati obbligati a chiudere ulteriormente dall’inizio del 2021: ne è risultato un calo delle presenze del 70% e dei ricavi dal 40% al 60% in media rispetto al 2019. Per quasi la metà dei musei degli stati membri i sussidi pubblici sono diminuiti anche drasticamente, fino al 40% dell’importo dei sussidi prima della pandemia. 

Le chiusure prolungate, il calo vertiginoso delle presenze e dei ricavi pesano sull’organizzazione del settore museale e rendono più difficile il mantenimento o la messa in sicurezza degli edifici, oltre che i rapporti con il pubblico. 

Secondo questo rapporto i musei svolgerebbero un ruolo essenziale nella vita economica e sociale e nella ripresa post-Covid. Vengono qui formulati consigli, come l’utilizzo su larga scala del digitale in particolare per la catalogazione delle collezioni e le misure a sostegno dell’istruzione, della ricerca e della formazione. 

“Il ruolo che riserviamo ai musei nelle politiche di ripresa post-pandemia la dice lunga sui valori che vogliamo portare avanti come società” ha commentato il direttore generale dell’UNESCO Audrey Azoulay. “Non dobbiamo perdere di vista il principio fondamentale dell’accesso alla cultura, della conservazione del nostro patrimonio comune, in tutta la sua diversità. Gli Stati hanno un ruolo essenziale da svolgere nel sostegno dei musei in questo periodo difficile, attraverso una politica culturale, non solo per garantire loro la sopravvivenza ma per prepararli al futuro”. 

L’UNESCO individua tre punti fondamentali per la ripresa del settore museale post-Covid: prima di tutto è necessario offrire una piattaforma dove si consenta loro di dialogare e di confrontarsi sull’impatto della crisi causata dal Covid-19 e garantire quindi una cooperazione internazionale tra i musei. È necessario inoltre il sostegno economico dei musei da parte delle istituzioni pubbliche per garantire loro un futuro. Infine gli stati membri dovranno essere accompagnati nello sviluppo delle misure più adeguate in favore del settore museale e in particolare nel rafforzamento delle capacità e della presa di coscienza del loro ruolo sociale: i musei dovrebbero elaborare progetti volti all’istruzione, alla ricerca e alla formazione.

UNESCO: cooperazione, sostegno, ricerca e digitale per la ripresa museale post-Covid
UNESCO: cooperazione, sostegno, ricerca e digitale per la ripresa museale post-Covid


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Shirin Neshat vince prestigioso premio alla Photo London 2020
Shirin Neshat vince prestigioso premio alla Photo London 2020
Un marmo del Partenone conservato in Italia tornerà in Grecia
Un marmo del Partenone conservato in Italia tornerà in Grecia
State a casa. E la famiglia Simpson dà il buon esempio a Pompei
State a casa. E la famiglia Simpson dà il buon esempio a Pompei
MiBACT, altri 350 milioni a fiere e congressi cancellati o rinviati causa Covid
MiBACT, altri 350 milioni a fiere e congressi cancellati o rinviati causa Covid
Addio a Giulia Maria Crespi, fondatrice del FAI
Addio a Giulia Maria Crespi, fondatrice del FAI
Per Italia Nostra, il coronavirus non dev'essere una scusa per massacrare il paesaggio: “no alla semplificazione per i cantieri”
Per Italia Nostra, il coronavirus non dev'essere una scusa per massacrare il paesaggio: “no alla semplificazione per i cantieri”