Venezia, i vigili cacciano pittore da piazza San Marco. Ma era Ken Howard, artista di fama internazionale


A Venezia i vigili allontanano un pittore da piazza San Marco. Ma era Ken Howard, artista di fama internazionale.

Singolare disavventura a Venezia per il pittore inglese di fama internazionale Ken Howard (Londra, 1932). L’artista, sabato scorso, stava dipingendo in piazza San Marco, ma la polizia municipale gli ha imposto di allontnarsi: Howard, infatti, non avrebbe avuto l’autorizzazione per dipingere sotto le Procuratie, luogo da lui scelto per mettersi al lavoro con tela, cavalletto, pennelli e colori.

In effetti quest’anno Venezia ha assistito a un giro di vite contro le attività ritenute foriere di degrado, e quest’estate è stato studiato anche un “daspo” per i turisti più indisciplinati: evidentemente a Venezia anche dipingere è considerata un’attività molesta, se i vigili hanno ritenuto doveroso allontanare un artista che è anche accademico reale d’Inghilterra, membro onorario della Royal Society of British Artists, ufficiale dell’Ordine dell’Impero Britannico dal 2010 ed è stato presidente del New English Art Club fino al 2003. Inoltre, Howard ha una casa proprio a Venezia dove trascorre qualche mese all’anno, quindi il pittore è ormai un assiduo frequentatore della città, tanto che ritrae i canali ed i monumenti del capoluogo veneto da ormai cinquant’anni.

“Sono intervenuti due vigili e gli hanno detto che lì non poteva stare. Ha cercato di resistere, di spiegare le sue ragioni ma non c’è stato verso. L’hanno fatto alzare e gli hanno detto che doveva andare via. Mio marito ha 86 anni, per lui è una fatica smontare cavalletto e attrezzatura. Ci è rimasto molto male” ha dichiarato la moglie Dora Bertolutti ai microfoni de La Stampa. Peraltro, Ken Howard è abituato a questo modus operandi e non era certo quella la prima volta in cui si trovava in piazza San Marco a dipingere.

I vigili difendono tuttavia il loro operato, precisando che sabato mattina a Venezia pioveva e il pittore era d’intralcio a quanti transitavano sotto le Procuratie per ripararsi dalla pioggia. Solidarietà arriva invece dal Gruppo 25 aprile, la piattaforma civica e apartitica di Venezia, che dichiara: “Siamo davvero sicuri che siano queste le priorità di una città allo sbando come Venezia? Manifestiamo solidarietà al professor Howard, in questo clima autori come Guardi o Canaletto sarebbero stati costretti ad emigrare”.

Nell’immagine un dipinto a soggetto veneziano di Ken Howard.

Venezia, i vigili cacciano pittore da piazza San Marco. Ma era Ken Howard, artista di fama internazionale
Venezia, i vigili cacciano pittore da piazza San Marco. Ma era Ken Howard, artista di fama internazionale


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


Santa Croce: controllo periodico per la facciata che venne costruita con un vero e proprio fundraising
Santa Croce: controllo periodico per la facciata che venne costruita con un vero e proprio fundraising
Imponente operazione dei Carabinieri: smantellata un'organizzazione internazionale di trafficanti di beni archeologici
Imponente operazione dei Carabinieri: smantellata un'organizzazione internazionale di trafficanti di beni archeologici
Venezia, si rischia la tragedia vicino San Marco per grande nave che sbanda causa maltempo
Venezia, si rischia la tragedia vicino San Marco per grande nave che sbanda causa maltempo
Rinvenuto a Reggio Emilia un tratto dell'antica via Emilia
Rinvenuto a Reggio Emilia un tratto dell'antica via Emilia
Fantinati: “abolizione delle domeniche gratis? Una fake news”. Ma che saranno abolite lo ha detto il ministro
Fantinati: “abolizione delle domeniche gratis? Una fake news”. Ma che saranno abolite lo ha detto il ministro
Le opere di Monet tornano nei loro luoghi di origine
Le opere di Monet tornano nei loro luoghi di origine