La Biblioteca Digitale Mondiale dell'Unesco diviene accessibile gratuitamente a tutti


L’Unesco ha reso accessibile a tutti la World Digital Library: migliaia di documenti storici da 193 paesi di tutto il mondo. 

L’UNESCO ha permesso di accedere liberamente alla sua biblioteca digitale mondiale. Si tratta della World Digital Library che riunisce migliaia di documenti storici, tra libri, manoscritti, mappe, riviste, giornali, fotografie, filmati, audio. 

Una biblioteca che comprende 193 paesi di tutto il mondo che intende promuovere la comprensione internazionale e interculturale, nonché offrire materiali per studiosi ed educatori, riducendo il divario digitale all’interno di un paese o tra i diversi paesi. 

“Sappiamo che molti sono a casa, chiusi tra le mura domestiche. Quindi... scoprite la World Digital Library: libero accesso a migliaia di libri, documenti e foto provenienti da tutti i paesi e da tutte le culture” ha postato su Twitter l’Unesco, accompagnando il testo con gli hashtag #QuarantineLife #StaySafe #Covid19. 

Un suggerimento dunque rivolto soprattutto agli studenti e agli insegnanti che, a causa dell’emergenza Coronavirus, non si recano più negli edifici scolastici, ma fanno scuola a casa. Tuttavia è un invito per tutti a conoscere un patrimonio davvero immenso, disponibile sui vari device. La ricerca all’interno della biblioteca digitale è possibile per temi, per paese, per lingua e per epoca. E tra le diverse tematiche, si va dalla storia alla geografia, dalla filosofia all’arte, alla religione.

Per accedere gratuitamente alla World Digital Library: www.wdl.org/en/ 

La Biblioteca Digitale Mondiale dell'Unesco diviene accessibile gratuitamente a tutti
La Biblioteca Digitale Mondiale dell'Unesco diviene accessibile gratuitamente a tutti


Acquista il nostro libro Cronache dal mondo dell'arte 2020
Tutto il 2020 in un libro di 430 pagine con 60 fotografie a colori, in una selezione di 60 articoli scelti dalla redazione di Finestre sull'Arte.
CLICCA QUI
PER INFORMAZIONI



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER