World Pesto Day, Genova chiede che il pesto venga riconosciuto patrimonio UNESCO


Oggi Genova lancia il ’World Pesto Day’ e si mobilita per chiedere all’UNESCO il riconoscimento del pesto come patrimonio dell’umanità.

Oggi la città di Genova è in particolare fermento: è stato infatti indetto il World Pesto Day, un “social mob” per promuovere la candidatura del pesto, la tipica specialità gastronomica della Liguria, a patrimonio UNESCO. È stata scelta la giornata di oggi in quanto sabato 17 marzo si tiene anche la settima edizione del Campionato Mondiale di Pesto al mortaio, che a Palazzo Ducale vede sfidarsi 100 concorrenti di cui 55 liguri, 25 provenienti da altre zone d’Italia, e 20 stranieri. I genovesi stanno dunque riempendo oggi i social con hashtag come #worldpestoday #orgogliopesto #pesto #italianfood #foodlover #pestochampionship #pestogenovese #annodelciboitaliano.

La città chiede a tutti di postare sui social foto che abbiano a che fare col pesto (mortai al lavoro, piatti di trenette, mazzi di basilico e tutto ciò che abbia a che fare con la tipica specialità ligure) per aumentare l’efficacia e la visibilità della campagna, ovviamente il tutto accompagnato dagli hashtag sopra citati. L’azione è nata nell’ambito del tavolo di lavoro del progetto europeo URBACT Interactive Cities, di cui Genova è capofila, ed è frutto della collaborazione di Comune di Genova, Camera di Commercio, ASCOM, Confesercenti, Associazione Palati Fini, Igers Genova; ed è stata inserita da Regione Liguria nell’ambito della “Settimana del Pesto”. Per trovare tutte le informazioni sull’evento ci si può recare sul sito Visit Genoa.

World Pesto Day, Genova chiede che il pesto venga riconosciuto patrimonio UNESCO
World Pesto Day, Genova chiede che il pesto venga riconosciuto patrimonio UNESCO


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER