Festivaletteratura lancia la Zona blu virtuale


Il Festivaletteratura di Mantova apre la Zona blu virtuale, uno spazio eventi accessibile a tutti.

Il Festivaletteratura apre la Zona blu, che si definisce come uno spazio eventi virtuale dove è possibile incontrare autori e vivere tutti i giorni l’esperienza del festival mantovano attraverso i propri device. “All’interno della zona blu è garantita la libera circolazione 24 ore su 24, anche in gruppi di amici” affermano dal Festivaletteratura, augurando a tutti una buona permanenza nella zona virtuale.

Ogni giorno sarà proposto un nuovo contributo al fine di rimanere uniti attraverso i libri e la letteratura.  

Grazie al podcast si potranno ascoltare le nuove puntate interamente dedicate all’edizione 2019 del festival: ciascun podcast propone la registrazione completa di un incontro, accompagnata da una breve introduzione, tra i più emozionanti e curiosi.

Mediante i percorsi d’ascolto si potranno ripercorrere le ventitré edizioni passate del festival grazie ai documenti d’archivio. Temi e autori legati da aspetti comuni proposti nelle varie edizioni. 

La cartolibreria di Festivaletteratura darà l’opportunità di scaricare i romanzi, le raccolte di racconti, i vocabolari, le guide-gioco, i reportage, le mappe, le bibliografie tematiche di tutti questi anni. 

Inoltre, è possibile sostare nell’oasi di lettura, dove verrà letto insieme un romanzo senza alcun disturbo: i Promessi sposi di Alessandro Manzoni. Alcuni scrittori leggeranno in video le pagine del romanzo e le commenteranno. 

Per accedere alla Zona blu: https://zonablu.festivaletteratura.it/

Festivaletteratura lancia la Zona blu virtuale
Festivaletteratura lancia la Zona blu virtuale


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER