Giovane regista italiano realizzerà un corto sul furto della Gioconda. Ma gli serve sostegno


Il giovane regista Federico Caria, classe 1995, sta per realizzare un cortometraggio sul furto della Gioconda. Ma ha bisogno del sostegno di tutti e ha aperto una campagna di crowdfunding. Lo aiutiamo?

Un progetto per un cortometraggio sul furto della Gioconda: è quello che ha in mente Federico Caria, regista e sceneggiatore classe 1995, allievo dell’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino, che intende presentare il corto come progetto della sua tesi di laurea. Il film racconterà un fatto realmente accaduto: il furto della Gioconda del 1911 da parte dell’imbianchino italiano Vincenzo Peruggia, una storia che abbiamo raccontato nei dettagli anche su queste pagine. Il corto s’intitolerà Une bouffèe d’air (“Una boccata d’aria”), avrà una durata di quindici minuti, sarà ambientato nella Parigi del 1911 e sarà in italiano e in francese, con sottotitoli.

A vestire i panni di Vincenzo sarà Alberto Baraghini, attore di fortunate web serie come Run Away (2013), Milano Underground (2014), Hidden (2016), e vincitore del premio come miglior attore in un dramma, per Hidden, ai Web Award di Roma 17. Per Baraghini anche partecipazioni a docufiction della Rai (come Maxi o 1870 La Battaglia per Roma) e di Sky Arte (Botticelli a Firenze, la nascita della bellezza). L’attore francese Maxence Dinant (Il nome della rosa, L’allieva 3, Il materiale emotivo) interpreta invece il commissario Dumont. La troupe del corto, tutta composta da giovani e giovanissimi, è completata dall’assistente alla regia Stefano Moscone, dalla scenografa Silvia Allegra, dalla costumista Nadia Pistorello, dalla fotografa di scena Deborah Zuanazzi

Il progetto è sostenuto dalla Fondazione Cecilia Gilardi, ma Caria necessita di fondi ulteriori per poter realizzare il cortometraggio, soprattutto per quanto riguarda la post-produzione e la distribuzione del prodotto finito. Per questo, il regista cerca contributi e donazioni da parte di singoli sostenitori, e per riuscirci ha attivato una campagna di crowdfunding su Kickstarter, fondata sul principio che chi sostiene il progetto con almeno 10 euro (ma si può donare la cifra che si desidera) riceve in cambio un piccolo premio. Per i sostenitori che daranno una cifra tra i 10 e i 15 euro ci sarà in cambio la sceneggiatura in formato PDF e il poster digitale del cortometraggio. Con un contributo di almeno 15 euro si potrà ricevere una cartolina di ringraziamento; per chi sosterrà il corto con almeno 25 euro, ci sarà una copia digitale in 4K del corto, mentre riceverà un dvd chi donerà almeno 30 euro e un Blu-Ray chi invece sosterrà il film con almeno 40 euro. Per chi invece volesse donare almeno 100 euro ci sarà uno special thank credit (il nome apparirà nei crediti alla voce “ringraziamenti speciali”, oltre alla copia 4K e al poster digitale). I donatori che daranno almeno 500 euro saranno accreditati come “produttore associato” e riceveranno il film in 4K e il poster digitale. Per chi donerà almeno 700 euro, ci sarà in cambio una rivista firmata da tutto il cast (con foto di backstage, storyboard, la storia del processo), una ristampa della pagina del Petit Parisien del 23 agosto 1911 (con la notizia del furto), il poster digitale, il film in 4K e il blu-ray. Infine, per chi donerà almeno 1.500 euro ci sarà il riconoscimento come produttore, oltre a tutti i benefit di cui sopra. Nella pagina della campagna viene spiegato nei dettagli come saranno investiti i contributi. Se il progetto non sarà realizzato, chi ha donato vedrà restituita la somma.

“Il cortometraggio”, dichiara Federico Caria, “è il mio progetto di laurea triennale del corso di Nuove Tecnologie dell’Arte all’Accademia Albertina delle Belle Arti di Torino, ed è supervisionato come relatrice di tesi dalla drammaturga Argia Coppola. Trattando temi universali e attuali, come l’immigrazione e il razzismo, nonostante sia un fatto accaduto nei primi del Novecento il progetto ha tutti gli elementi per essere selezionato come candidato nei vari festival cinematografici nazionali e internazionali”.

Federico Caria, nonostante la giovane età, lavora già come videoeditor freelance per agenzie di comunicazione (ha collaborato per esempio alla realizzazione dei video promozionali della Disney per il lancio del film Thor: Ragnarok in Italia) e ha scritto e diretto tre cortometraggi: The Gate nel 2017, Shambala nel 2018 e Lex Tallionis nel 2019. I suoi video si possono vedere sul suo canale YouTube.

Giovane regista italiano realizzerà un corto sul furto della Gioconda. Ma gli serve sostegno
Giovane regista italiano realizzerà un corto sul furto della Gioconda. Ma gli serve sostegno


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER