Sergio Castellitto interpreta Gabriele d'Annunzio nel film “Il Cattivo Poeta”


Sergio Castellitto sarà Gabriele D’Annunzio nel film ’Il Cattivo Poeta’, che esce nelle sale il 5 novembre.

Uscirà nelle sale il 5 novembre il film Il Cattivo Poeta di Gianluca Jodice, centrato sugli ultimi due anni di vita di Gabriele D’Annunzio (Pescara, 1863 - Gardone Riviera, 1938), con Sergio Castellitto nei panni del Vate. Gli eventi che occorrono tra il 1936 e il 1938 sono narrati attraverso l’esperienza di un giovane di ventinove anni, Giovanni Comini (interpretato da Francesco Patanè), giovane federale del fascio inviato a Gardone da Achille Starace per controllare D’Annunzio, che il Partito Nazionale Fascista ha sempre ritenuto un uomo potenzialmente pericoloso. Obiettivo di Starace, mettere D’Annunzio nelle condizioni di non nuocere all’alleanza tra Mussolini e Hitler.

Il film, prodotto da Matteo Rovere e Andrea Paris e distribuito da 01 Distribution, è stato girato quasi per intero al Vittoriale, e vede impegnati, tra gli altri attori, Fausto Russo Alesi nei panni di Achille Starace, Elena Bucci che interpreta Luisa Baccara e Clotilde Courau nelle vesti di Amélie Mazoyer. Per il regista Jodice, napoletano classe 1973, laureato in filosofia all’Università di Napoli Federico II, è la prima prova con un lungometraggio per il cinema dopo una lunga esperienza sui documentari e i cortometraggi (è stato candidato due volte al Nastro d’Argento). Tra le sue realizzazioni, Ritratto di Bambino (2002), corto acclamanto a livello internazionale e vincitore del primo premio al Frontiere Film Festival di Luzzara, del premio speciale della Giuria al Festival di Siviglia e del premio FICE, e Cercando la grande bellezza (2014), documentario sul film premio Oscar di Paolo Sorrentino.

Di seguito la sinossi del film: 1936. Giovanni Comini è stato appena promosso federale, il più giovane che l’Italia possa vantare. Ha voluto così il suo mentore, Achille Starace, segretario del Partito Fascista e numero due del regime. Comini viene subito convocato a Roma per una missione delicata: dovrà sorvegliare Gabriele d’Annunzio e metterlo nella condizione di non nuocere... Già, perché il Vate, il poeta nazionale, negli ultimi tempi appare contrariato, e Mussolini teme possa danneggiare la sua imminente alleanza con la Germania di Hitler.Ma al Vittoriale, il disegno politico di cui Comini è solo un piccolo esecutore inizierà a perdere i suoi solidi contorni e il giovane federale,diviso tra la fedeltà al Partito e la fascinazione per il poeta,finirà per mettere in serio pericolo la sua lanciata carriera.

Sergio Castellitto interpreta Gabriele d'Annunzio nel film “Il Cattivo Poeta”
Sergio Castellitto interpreta Gabriele d'Annunzio nel film “Il Cattivo Poeta”


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER