Grazie alla serie tv su Leonardo, aumentano del 156% le vendite dei libri sull'artista


La serie tv su Leonardo trascina i libri sull’artista in libreria: aumentano del 156% le vendite dei libri legati a Leonardo, come attesta uno studio dell’Associazione Italiana Editori.

La televisione trascina i libri: succede grazie alla serie tv Leonardo, riduzione estremamente romanzata delle vicende biografiche di Leonardo da Vinci. L’Associazione Italiana Editori (AIE), che già da tempo conduce ricerche per capire quanto le serie televisive influenzino le vendite dei titoli librari (era già accaduto con fortunati sceneggiati come Gomorra, L’amica geniale e Il trono di spade), ha tenuto monitorati i titoli su Leonardo da Vinci nel periodo di trasmissione della serie prodotta da Lux Vide e Sony Pictures Television in collaborazione con Rai Fiction (l’ultima puntata sarà trasmessa domani, martedì 12 aprile 2021), e ha scoperto un’interessante correlazione: le vendite dei titoli su Leonardo sono aumentate del 156% nel numero di copie e del 158% nel valore complessivo. Il dato fa riferimento al periodo di trasmissione delle prime puntate della fiction (15 marzo-4 aprile) confrontato con le settimane precedenti.

Il fenomeno è importante e soprattutto presenta, secondo l’AIE, tre importanti elementi di novità rispetto ad altre serie che hanno preceduto Leonardo: al contrario di quelle citate sopra, per esempio, Leonardo non è tratta da un libro e di conseguenza gli episodi hanno trascinato la bibliografia su Leonardo nel suo complesso e non solo il titolo legato alla serie (è stato infatti prodotto anche un romanzo in tema). I dati monitorati dall’AIE si riferiscono in particolare a 368 titoli su Leonardo da Vinci che sono stati venduti in Italia negli ultimi anni. Il secondo elemento è infatti proprio la varietà di generi: gli aumenti nelle vendite hanno riguardato narrativa, saggistica divulgativa e specialistica, cataloghi d’arte, libri illustrati, libri per bambini, ponendosi dunque in maniera trasversale rispetto alle nicchie grandi e piccole che compongono il mercato. I titoli più venduti rimangono comunque quelli che avevano successo già prima della fiction: in particolare, i primi dieci titoli dedicati a Leonardo (che coprivano circa il 45% delle vendite prima della fiction: in particolare, il 44,90% dall’11 gennaio al 31 gennaio, il 45,50% dal 1° febbraio al 21 febbraio e il 44,70% dal 22 febbraio al 14 marzo) hanno coperto il 66,3% della domanda nel periodo di trasmissione dello sceneggiato, evidente sintomo del fatto che il pubblico generalista della fiction si rivolge a titoli di facile accesso e ampia diffusione.

Il terzo elemento è l’effetto benefico che la serie tv ha avuto sui libri meno venduti: nonostante i telespettatori si siano concentrati in termini percentuali più sui titoli di ampio accesso, si sono registrate buone vendite anche su titoli che nelle settimane prima della messa in onda non erano stati più venduti. Nel dettaglio, si calcola che circa il 20% dei titoli poco venduti prima della fiction abbia registrato incrementi a tre cifre. Addirittura, 24 titoli su Leonardo che non avevano mai venduto una copia nel 2021 (il 6,5% dei 368 libri presi in considerazione) sono stati di nuovo acquistati nelle settimane della serie televisiva. Sono valori bassi, ma è comunque un evento “prodigioso” secondo l’Aie, che promette già di ripetere lo studio quando verrà trasmessa la seconda stagione di Leonardo, già annunciata.

Nella foto: un fotogramma della serie.

Grazie alla serie tv su Leonardo, aumentano del 156% le vendite dei libri sull'artista
Grazie alla serie tv su Leonardo, aumentano del 156% le vendite dei libri sull'artista


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma