Luci a Bergamo: svelata l'installazione dei designer Objects of Common Interest


Il duo di designer greco-americani Objects of Common Interest ha creato un’installazione per piazza della Libertà a Bergamo: si chiama “Lights on” ed è stata svelata in occasione dell’apertura degli eventi della Capitale Italiana della Cultura 2023.

A Bergamo, in concomitanza con l’apertura delle celebrazioni per Bergamo Brescia Capitale Italiana della Cultura, domenica 22 gennaio è stato presentato alla città il progetto Lights on – Confindustria Bergamo dei designer Objects of Common Interest (duo composto da Eleni Petaloti e Leonidas Trampoukis, che vivono e lavorano tra Atene e New York, architetti di formazione ma designer di prima occupazione), appositamente pensato per la Piazza della Libertà di Bergamo. L’installazione, selezionata nell’ambito di un concorso internazionale lanciato da Confindustria Bergamo, Comune di Bergamo e GAMeC, veste Piazza della Libertà con un intervento temporaneo orientato a interpretare il tema della capitale della cultura “La Città Illuminata”.

Interamente sostenuto da Confindustria Bergamo, il progetto combina il carattere dell’elemento scultoreo che interagisce con la facciata del Palazzo della Libertà a un’esigenza di partecipazione comunitaria, mirando a creare uno spazio accogliente e funzionale per tutti coloro che vivranno la piazza in questo anno di celebrazioni. L’opera intende coinvolgere lo spazio pubblico su molteplici livelli e si fonda su tre concetti chiave: riutilizzare, riattivare, rinnovare. Il progetto nasce dalla volontà di rielaborare il rapporto tra la comunità e le risorse che essa già possiede, e di proporre soluzioni innovative a partire dal patrimonio della città e del territorio.

Fulcro dell’intervento è un’imponente scultura luminosa, un’opera d’arte sinuosa, flessibile e all’apparenza morbida, ma in realtà molto robusta. Alimentata da pannelli solari, è posta in stretta connessione con l’architettura del palazzo che affaccia sulla piazza. La fontana presente al centro della piazza potrà essere osservata da un’inedita prospettiva ravvicinata, grazie a una pavimentazione sopraelevata (una sorta di “collina”) realizzata con pneumatici riciclati che consentirà una visione panoramica dell’intera area. Completa l’allestimento una serie di sedute realizzate con marmi policromi recuperati e resina riciclata.

Tutti i componenti di Lights on (la scultura di luce, le sedute, la pavimentazione) sono posti in dialogo con il contesto urbano, e si pongono l’obiettivo costituire un’opera d’arte pubblica volta a favorire l’interazione della comunità. Ciascun elemento è stato concepito per essere riciclato e riutilizzato. Sia gli elementi luminosi, sia le sedute potranno essere infatti riassemblati con modalità differenti e in altri contesti.

Gli Objects of Common Interest si sono distinti per la loro ricerca che si concentra sulla capacità di creare ambienti e oggetti esperienziali attraverso un’elaborazione concettuale della materia e un approccio intuitivo alla forma I loro progetti sono stati esposti in istituzioni, gallerie e fiere d’arte e di design, e hanno presentato mostre personali in istituzioni quali il Museo Noguchi di New York, il Museo del Design di Bruxelles, la Biennale di Architettura di Venezia e il Salone del Mobile di Milano. Tra i nominati nella categoria “Designer dell’anno” per i Dezeen Awards 2022, hanno vinto il Wallpaper* Design Award 2022 e il Design Prize 2021 nella categoria “sperimentazione”.

“Con questa installazione”, afferma la designer Eleni Petaloti, “abbiamo pensato di riattivare uno spazio pubblico che appariva sottoutilizzato trasformandolo in un ambiente più vivo, in una piazza della ‘città illuminata’ che sia di ispirazione e porti gioia a chi la abita. Abbiamo inoltre sviluppato il tema del rapporto fra la comunità e le sue risorse naturali, valorizzando una città che “inventa” basandosi su ciò che già possiede, traendo soluzioni dal proprio passato e dal proprio patrimonio culturale”.

“Tecnologia, visione del futuro, attenzione alla sostenibilità”, sottolinea Giovanna Ricuperati, Presidente di Confindustria Bergamo, “sono alcuni degli elementi chiave dell’installazione di Piazza della Libertà, simbolo di un territorio aperto al dialogo e alle contaminazioni, sensibile al contributo dei linguaggi dell’arte e della cultura che individua nell’approccio innovativo ad ampio raggio il suo principale motore di crescita”.

Lights on”, dichiara il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, “rappresenta al grande pubblico alcuni dei valori e temi più caratterizzanti della Città Illuminata: l’animo industrioso del territorio, il suo tessuto creativo e imprenditoriale, la spinta all’innovazione e al rinnovamento propri della nostra identità. Dall’altra parte, consente alla città di accendere la luce su una piazza che durante il 2023 allargherà il centro cittadino grazie alla cultura, con il restauro di Palazzo della Libertà e la sua destinazione a luogo di eccellenza culturale in base all’accordo che il Comune ha stretto con l’Agenzia del Demanio. Si crea così un dialogo fitto tra il sistema del centro piacentiniano, il teatro Donizetti, il nuovo Diurno e Piazza della Libertà. A Confindustria va il ringraziamento per il suo impegno per la Capitale della Cultura e per la città”.

“Gli Objects of Common Interest hanno creato un’opera modulare riconfigurabile, imbastendo un dialogo con la città che va al di là della singola esperienza della Capitale Italiana della Cultura”, conclude Lorenzo Giusti, Direttore della GAMeC. “L’installazione, oltre che da una lettura del contesto di Piazza della Libertà e dalla volontà di aprire nuove possibilità di fruizione di questo specifico spazio pubblico, nasce infatti dall’idea di una possibile rigenerazione molteplice del manufatto. In futuro, quando sarà riallestita, Lights on potrà aprire nuovi sguardi su nuovi contesti, integrarsi con altri ambienti e architetture, illuminandole”.

Luci a Bergamo: svelata l'installazione dei designer Objects of Common Interest
Luci a Bergamo: svelata l'installazione dei designer Objects of Common Interest


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020