A Brescia una giornata di gioco di ruolo ambientata nell'Italia dei Longobardi


Sabato 18 novembre 2023 si terrà a Brescia una giornata di gioco di ruolo con ambientazione fantasy nell’Italia dei Longobardi. L’iniziativa ispirata a Dungeons & Dragons è prodotta dall’Associazione Italia Langobardorum in collaborazione con Gummy Industries. 

Una giornata di gioco di ruolo con ambientazione fantasy nell’Italia dei Longobardi: l’evento, dal titolo Prima che il gallo canti, si terrà sabato 18 novembre 2023 a Brescia, nella Basilica di San Salvatore, e coinvolgerà un centinaio di partecipanti organizzati in due gruppi e coordinati da otto Game Master che condurranno i giocatori indietro nel tempo, all’epoca dei Longobardi. L’iniziativa è ideata dall’Associazione Italia Langobardorum, ente di gestione del sito seriale UNESCO “I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)”.

Ispirata a Dungeons & Dragons, il gioco di ruolo fantasy più conosciuto al mondo, l’avventura di Prima che il gallo canti potrà essere anche scaricata dal pubblico per giocare in autonomia; è prodotta dall’Associazione Italia Langobardorum in collaborazione con Gummy Industries ed è stata ideata e scritta da Emilio Palmerini e Giada Taribelli, con un antefatto a fumetti sceneggiato e illustrato da Francesco Mazziotta del collettivo “Non Dire Draghi”. La trama del gioco si svolge al tempo della dominazione longobarda in Italia, tra il 568 e il 774 d.C., all’interno di una comunità monastica che assiste al verificarsi di inspiegabili sparizioni. La soluzione del mistero è affidata a un gruppo di avventurieri, corrispondenti ai personaggi interpretati dai giocatori, che sono stati immaginati in rappresentanza di ciascuno dei sette luoghi che, con i relativi gruppi monumentali, costituiscono il sito seriale UNESCO dei Longobardi in Italia, e che sono l’area della Gastaldaga e il complesso episcopale a Cividale del Friuli, il monastero di San Salvatore - Santa Giulia e l’area archeologica del Capitolium a Brescia, il Castrum con la Torre di Torba e la Chiesa di Santa Maria Foris Portas a Torba e a Castelseprio, la Basilica di San Salvatore a Spoleto, il Tempietto del Clitunno a Campello sul Clitunno, il Complesso di Santa Sofia a Benevento e il Santuario di San Michele a Monte Sant’Angelo.

Scopo dell’avventura, sia nella sua versione confezionata e scaricabile sia nella sua versione giocata dal vivo nella giornata del 18 novembre a Brescia, non è soltanto contribuire a diffondere la conoscenza del sito seriale Unesco dei Longobardi in Italia, che racchiude le principali testimonianze monumentali riconducibili a quella civiltà, ma anche migliorare la comprensione del mondo culturale longobardo, ribaltando quella rappresentazione negativa dei Longobardi, associati all’idea di barbarie e di decadenza che la storiografia recente ha smentito, sottolineandone la fondamentale capacità di aver assimilato la tradizione romana, la spiritualità del Cristianesimo, l’influenza bizantina e i valori germanici, dando vita a una nuova cultura.

Per partecipare alla giornata del 18 novembre è necessaria l’iscrizione tramite il portale Eventbrite al link: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-prima-che-il-gallo-canti-739295080487?aff=oddtdtcreator

In quest’ottica va letta la decisione, concepita dagli ideatori del gioco, di far vestire ai singoli giocatori i panni di un eroe longobardo, assegnando invece ai Franchi la parte degli antagonisti, in contrapposizione con la nota narrazione manzoniana. Fondazione Brescia Musei offrirà ai giocatori una visita guidata gratuita alla sezione Longobarda del Museo di San Salvatore – Santa Giulia e li omaggerà di un biglietto gratuito per visitare anche il parco archeologico di Brixia romana.

“Quello dei ’Longobardi in Italia’ è tra i pochi siti UNESCO ad aver intrapreso la strada del gaming per stimolare la conoscenza e la visita alle affascinanti architetture custodite e divenute patrimonio dell’umanità”, ha dichiarato Danilo Chiodetti, presidente dell’Associazione Italia Langobardorum. “Una via innovativa quella del gaming, con cui abbiamo puntato alla valorizzazione turistica dei beni architettonici di straordinaria bellezza di cui siamo custodi, ma con cui in particolare abbiamo posto attenzione al coinvolgimento di target giovani, in modo da avvicinare anche le giovani generazioni e nuovi pubblici al patrimonio culturale e ai suoi valori. Una via vincente quella scelta, tanto che l’Associazione è già stata coinvolta per raccontare in diversi appuntamenti le innovative azioni che stiamo mettendo in campo: alla fiera BMTA – Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico di Paestum, il prossimo venerdì 3 novembre; al Tourisma – Salone dell’Archeologia e del Turismo Culturale a Firenze, in programma sabato 24 febbraio 2024 ed in occasione del CAST - Convegno di Archeologia, Storia e gioco da Tavolo, in programma a Firenze, sabato 1° marzo 2024”.

“Il gaming di nuovo protagonista nei Musei Civici di Brescia, questa volta con l’intrigante ’drama’ costruito dal gioco di ruolo intorno alla vicenda della civilizzazione longobarda, di cui noi come Fondazione Brescia Musei siamo grandi divulgatori, insieme alla rete dei siti UNESCO I Longobardi in Italia. Fare storia della civilizzazione attraverso il gioco museale significa sviluppare inclusione e partecipazione, promuovere nuovi linguaggi applicati all’educazione al patrimonio e implementare nuove strategie di comunicazione, in linea con i principi che un museo aperto deve sostenere concretamente e convintamente”, ha commentato Francesca Bazoli, presidente Fondazione Brescia Musei. “La nostra soddisfazione dunque perché dopo Geronimo Stilton, protagonista delle nostre avventure museali, un nuovo topos della cultura popolare, quello di uno dei più celebri giochi di ruoli al mondo, entra dalla porta principale nei nostri musei”.

Nell’immagine, Basilica di San Salvatore a Brescia

A Brescia una giornata di gioco di ruolo ambientata nell'Italia dei Longobardi
A Brescia una giornata di gioco di ruolo ambientata nell'Italia dei Longobardi


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



MAGAZINE
primo numero
NUMERO 1

SFOGLIA ONLINE

MAR-APR-MAG 2019
secondo numero
NUMERO 2

SFOGLIA ONLINE

GIU-LUG-AGO 2019
terzo numero
NUMERO 3

SFOGLIA ONLINE

SET-OTT-NOV 2019
quarto numero
NUMERO 4

SFOGLIA ONLINE

DIC-GEN-FEB 2019/2020