Art Basel si arrende al coronavirus: salta l'edizione 2020, appuntamento all'anno prossimo


Salta l’edizione 2020 di Art Basel a causa del coronavirus: la fiera dà appuntamento a tutti al 2021.

Niente da fare per Art Basel: anche la fiera d’arte contemporanea più importante del mondo deve arrendersi al coronavirus. La direzione della manifestazione svizzera ha infatti deciso di cancellare l’edizione 2020 di Basilea e dare a tutti appuntamento al 2021.

“Art Basel”, si legge in una nota, “annuncia che l’edizione 2020 di Basilea è stata cancellata. Anche se ci sono segnali di speranza che arrivano da paesi che stanno uscendo dal lockdown, la situazione globale rimane precaria e, sfortunatamente, troppe incertezze aleggiano sulla fiera. Tra queste, i rischi sanitari che grandi raduni di persone comportano, le limitazioni sui viaggi intercontinentali, e le regole poco chiare della Svizzera sugli eventi della grandezza di Art Basel. Date tali incertezze, riteniamo che la miglior scelta sull’evento di Basilea sia quella di concentrarsi sull’edizione del prossimo anno per consegnare una fiera di eccezionale qualità internazionale quale è quella che il mondo dell’arte si aspetta. Il pensiero di Art Basel è per tutti coloro che sono stati colpiti in tutto il mondo. Sono tempi che ci mettono duramente alla prova: vi auguriamo il meglio finché potremo incontrarci di nuovo”.

Per l’edizione del 2021 ci sono già le date: la fiera si terrà dal 17 al 20 giugno del prossimo anno.

Art Basel si arrende al coronavirus: salta l'edizione 2020, appuntamento all'anno prossimo
Art Basel si arrende al coronavirus: salta l'edizione 2020, appuntamento all'anno prossimo


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER