Sta per partire Arte Fiera a Bologna: tutte le novità della grande fiera d'arte contemporanea


Al via l’edizione numero 42 di Arte Fiera a Bologna: tutte le novità del 2018 della grande fiera d’arte contemporanea.

Sta per partire la nuova edizione di Arte Fiera, la numero quarantadue della fiera mercato d’arte moderna dalla storia più lunga in Italia e prima nel nostro paese per fatturato: dal 2 al 5 febbraio i padiglioni 25 e 26 di BolognaFiere diventeranno la sede temporanea di 151 gallerie italiane e internazionali che assicureranno, come ogni anno, l’alta qualità dell’evento. A loro si uniranno 30 espositori di editoria, grafica e creatività, facendo salire il numero delle presenze a 181. La direzione artistica è stata affidata anche per il 2018 ad Angela Vettese, che guida Arte Fiera per il secondo anno: la curatrice ha deciso di mantenere il taglio curatoriale proseguendo quindi la svolta del 2017, ma ci saranno anche approfondimenti sui singoli artisti e sulla riflessione teorica.

Diverse le novità che caratterizzeranno l’edizione 2018 di Arte Fiera. Il 2 e il 3 febbraio si terrà il convegno, a cura di Angela Vettese e Clarissa Ricci, intitolato Tra mostra e fiera: entre chien et loup, organizzato in collaborazione con l’Università IUAV di Venezia e col patrocinio dell’Università di Bologna, e incentrato sul tema, quanto mai attuale benché poco indagato, sull’ibridazione tra mostre e fiere. Agli incontri parteciperanno accademici, artisti, critici, curatori e diverse altre personalità del sistema dell’arte. Altra novità sarà, nella Main Section, la sottosezione Modernity, che accoglierà piccole personali di artisti attuali, presentati dalle singole gallerie. Vedremo dunque mostre di Joan Jonas (Galleria Alessandra Bonomo), Giosetta Fioroni (Galleria Maurizio Corraini), Gianni Piacentino (Galleria de’ Foscherari), Eugenio Spinoza (Galleria Umberto di Marino), Terry Atkinson (Galleria Six), Marino Marini (Guastalla Centro Arte), Olivo Barbieri (Guidi & Schoen), Martino Genchi (Galleria Michela Rizzo), Maria Lai (Nuova Galleria Morone), Regina José Galindo (Prometeogallery), Emilio Isgrò (Studio Guastalla).

Arte Fiera ha inoltre deciso di rafforzare il legame con la città arricchendo la sezione POLIS, che rappresenta proprio la connessione con Bologna, con nuove declinazioni. Il progetto POLIS / ARTWORKS comprende installazioni, a cura di Angela Vettese, in diversi spazi della città (vedremo opere di Vito Acconci, Andreco, Valerio Berruti, Alik Cavaliere, Mario Cresci, Luigi Mainolfi, Rachele Maistrello, Sanna Kannisto, Giuseppe De Mattia, Dennis Oppenheim, Luigi Veronesi), la sezione POLIS / CINEMA sarà una rassegna di film che avrà luogo in fiera e al MAMbo, per riflettere sull’identità comunista e postcomunista di gran parte della cultura bolognese e di quella italiana, e ancora vedremo i progetti POLIS / PERFORMING THE GALLERY, dedicato agli interventi performativi, e POLIS / BBQ, che offre uno scorcio sulla scena dell’arte indipendente a Bologna con mostre, performance e opening. Infine, si amplierà la sezione Printville, a cura di Amedeo Martegani e dedicata alla stampa e ai multipli.

Nel corso della fiera saranno inoltre assegnati diversi premi: il Premio Euromobil (dodicesima edizione), riservato agli artisti under 30 in fiera, il Premio #ContemporaryYoung (quarta edizione), per gli under 40 in fiera la cui opera sia riconducibile all’idea del fare e del costruire, il Premio ANGAMC alla carriera (seconda edizione), riconoscimento per la storia e l’attività di un gallerista affiliato ad ANGAMC - Associazione Nazionale Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea. Infine, ad Arte Fiera si accompagnerà, come di consueto, il programma ART CITY Bologna, il cartellone istituzionale di mostre ed eventi promosso dal Comune di Bologna in collaborazione con BolognaFiere, giunto quest’anno alla sua sesta edizione e affidato alla direzione artistica di Lorenzo Balbi. Gli eventi, tra mostre, installazioni e performance, saranno dieci, uniti a un progetto speciale, e tutti accomunati da alcuni elementi chiave: progetti monografici di un solo artista italiano o internazionale proposti da un curatore, site specific e allestiti in luoghi solitamente non accessibili al pubblico. Nell’ambito del programma, sabato 3 febbraio ci sarà l’Art City White Night, che intende invadere Bologna con centinaia di iniziative per una notte bianca dedicata all’arte.

La fiera è aperta da venerdì 2 a domenica 4 febbraio dalle 11 alle 19, il 5 febbraio dalle 11 alle 17. Preview a inviti giovedì 1° febbraio dalle 12 alle 21. I biglietti: 25 euro l’intero (22 con formula print at home), 32 abbonamento per due giorni, 35 abbonamento tre giorni, 37 euro abbonamento quattro giorni. Ridotto: 15 euro, per gruppi di almeno 15 persone. Gratis per bambini fino a 10 anni compresi. I visitatori in possesso di CartaFreccia e di un biglietto Frecce con destinazione a Bologna hanno diritto a un ingresso gratuito per un loro accompagnatore. Gli studenti di scolaresche hanno diritto al biglietto ridotto a 10 euro (gratuità per accompagnatori). Omaggi anche per i possessori di YoungERcard, mentre per i possessori di Card Musei Bologna e Genius Bononiae avranno uno sconto del 50%. I diversamente abili entrano gratuitamente (l’accompagnatore corrisponde invece il biglietto intero: entra gratis nel caso in cui il diversamente abile necessiti obbligatoriamente di accompagnatore). Per informazioni è possibile visitare il sito www.artefiera.it.

Immagine: una foto dell’edizione 2017 di Arte Fiera.

Sta per partire Arte Fiera a Bologna: tutte le novità della grande fiera d'arte contemporanea
Sta per partire Arte Fiera a Bologna: tutte le novità della grande fiera d'arte contemporanea


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER