I 500 anni del convento di San Vivaldo: oggi una tavola rotonda


Oggi al convento di San Vivaldo (Montaione, Firenze) una tavola rotonda sulla valorizzazione turistica delle vie di pellegrinaggio. Il convento compie 500 anni.

Quest’anno il convento di San Vivaldo di Montaione (provincia di Firenze), noto per il suo meraviglioso Sacro Monte (l’unico in Toscana) che riproduce la planimetria di Gerusalemme, compie cinquecento anni: fu infatti fondato nel 1517 e sono molte le celebrazioni che quest’anno ricordano l’evento. Proprio oggi alle 16, presso il refettorio del Convento, si tiene una tavola rotonda sul tema San Vivaldo e la via Francigena. Strategie per una valorizzazione turistica delle mete e dei percorsi di pellegrinaggio.

Interverranno Paolo Pomponi (sindaco di Montaione), Stefano Ciuoffo (assessore al turismo della Regione Toscana), Giacomo Cucini (sindaco di Certaldo e delegato alla cultura e al turismo dell’Unione dei Comuni Empolese Valdelsa), Massimo Tedeschi (Presidente dell’Associazione Europea delle Vie Francigene), Stefano Romagnoli (responsabile del settore turismo della Regione Toscana), Paolo Chiappini (direttore di Fondazione Sistema Toscana), Paolo Tiezzi Maestri (presidente dell’Istituto per la valorizzazione delle Abbazie storiche della Toscana) e Sabrina Busato (presidente della Federazione Europea Itinerari Storici, Culturali e Turistici). Coordinamento di Luca Belcari, vicesindaco di Montaione. Per l’occasione, Paolo Chiappini, direttore di Fondazione Sistema Toscana, presenterà il nuovo portale turistico della regione Toscana, www.visittuscany.com.

I 500 anni del convento di San Vivaldo: oggi una tavola rotonda
I 500 anni del convento di San Vivaldo: oggi una tavola rotonda


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER