Rompere il silenzio dei musei chiusi: la Galleria d'Arte Moderna di Roma lancia il concorso #DomaniInArte


È stato indetto un concorso fotografico intitolato #DomaniInArte, promosso dall’Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali con la Galleria d’Arte Moderna di Roma Capitale, in collaborazione con Zètema Progetto Cultura.

Per partecipare gli artisti possono inviare una fotografia di una propria opera inedita che rappresenti un personale punto di vista sulla grave situazione globale che stiamo vivendo. Un’operazione che, oltre a rappresentare un’occasione di espressione per gli artisti coinvolti, vuole rompere il silenzio dei musei chiusi per creare un atelier artistico fatto di tante voci e linguaggi dell’arte, senza preclusioni linguistiche o barriere di giudizio e senza limiti all’utilizzo delle tecniche.

Il contest, attivo fino al 30 giugno 2020, invita gli artisti a inviare la fotografia di una propria opera che li rappresenti (ci rappresenti) in questa grave situazione globale. Ma che sia anche l’immagine di un’opera di speranza che guardi al domani, che tenga conto del punto di vista degli artisti, con una visione e uno sguardo quindi “altro” rispetto alla realtà del dramma contemporaneo che stiamo tutti vivendo. Un’opera che attraversi l’attuale silenzio dei musei chiusi, dei progetti artistici congelati.

Il tentativo è quello di creare un atelier artistico fatto di tante voci e linguaggi dell’arte, dalle tecniche più tradizionali a quelle maggiormente sperimentali e che includano anche scrittura (es. poesia visiva, poesia urbana, poetry-concept, ecc.) e sound design. Il contest partecipativo è gratuito e aperto a tutti gli artisti maggiorenni, alle loro scelte poetiche ed estetiche.

Si tratta di un modo per far sentire anche la voce dell’arte italiana, sulla linea ad esempio del “sostegno” all’Italia di grandi artisti internazionali, come quello di Ai Weiwei che posta i lunghi e disperanti elenchi di necrologi dell’“Eco di Bergamo” o Zehra Dogan che fotografa curdi con scritte che sostengono appunto l’Italia. O ancora, come i video-messaggi di Jenny Holzer con brevi frasi poetiche sulla voglia di vita e di futuro, fino alla candela rossa accesa che si consuma nel filmato di Shirin Neshat e all’archivio dei suoni urbani delle città globali in lockdown di Cities and Memory.

Tutte le opere inviate vengono postate sui canali social della Galleria d’Arte Moderna (Facebook, Twitter, Instagram) e, alla riapertura del museo, riprodotte per mezzo di un monitor nella sala video/biblioteca del museo stesso, nel periodo luglio-settembre 2020. Successivamente le fotografie saranno conservate negli archivi digitali della Galleria d’Arte Moderna dove, su richiesta potranno essere visionate.

Rompere il silenzio dei musei chiusi: la Galleria d'Arte Moderna di Roma lancia il concorso #DomaniInArte
Rompere il silenzio dei musei chiusi: la Galleria d'Arte Moderna di Roma lancia il concorso #DomaniInArte


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER