A Bologna verrà mostrata al pubblico l'Incoronazione della Vergine di Simone de' Crocifissi


Bologna, l’Incoronazione della Vergine di Simone de’ Crocifissi in mostra negli spazi della Raccolta Lercaro.

La Fondazione Lercaro e l’Istituto Zoni di Bologna presentano l’esposizione, negli spazi museali della Raccolta Lercaro, della splendida tavola di Simone di Filippo Benvenuti detto “dei Crocifissi” (Bologna, 1330 circa - 1399) raffigurante l’Incoronazione della Vergine.

Si tratta di una tempera su tavola firmata e datata 1382, custodita dalle Suore della Carità di Santa Giovanna Antida Thouret all’interno dei locali dell’Istituto Zoni di Bologna, sorto accanto alla piccola chiesa di Santa Maria Incoronata, nel tratto di mura tra Porta San Vitale e Porta San Donato. Restaurata a cura della Fondazione Lercaro dal laboratorio di Camillo Tarozzi sotto l’Alta Sorveglianza della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Bologna, per gentile concessione dell’Istituto Zoni, questo piccolo ma prezioso dipinto entra ora nel percorso museale della Raccolta Lercaro per mostrarsi a tutti nella profonda delicatezza dei colori e nella ricca simbologia dei significati.

L’opera, giunta alla chiesa dell’Incoronata nel 1669 e collocata sull’altare maggiore in sostituzione dell’antico e ormai rovinato affresco dal quale si era originata la devozione a Maria Regina, secondo le fonti proveniva dalla casa delle suore Terziarie dell’Annunciata in Borgo Orfeo, che l’avevano ceduta in cambio di una copia dell’originale eseguita da un pittore del tempo.
Sostituita a sua volta con una copia, dalla fine del XX secolo se ne erano perse le tracce fino allo scorso anno.

Così la descrive per primo Guido Zucchini, nel 1934, sulle pagine della rivista Il Comune di Bologna: "È un’opera di maturità dell’artista. Su un banco ricoperto di un serico drappo stanno assisi il Redentore e la Vergine; il primo con la sinistra tiene lo scettro, con la destra pone la corona in capo alla Madonna, chino il capo in ossequio, conserte le mani in atto di sottomissione. Un ricco tendaggio, teso dietro il banco o trono, lascia intravedere alcune stelle dal cielo. Nell’alto, otto angeli, quattro per parte, chinano il capo simmetricamente in atto di adorazione".

Il tema dell’Incoronazione della Vergine, che solitamente costituisce la scena finale dei cicli a lei dedicati, dopo la morte e l’assunzione in cielo, trova una sua autonomia iconografica e devozionale a partire dal XIII secolo, tratto dall’antichissimo testo Transitus Virginise poi diffuso dalla Legenda aureadi Jacopo da Varagine. Maria, che è ugualmente madre e figlia di Dio, diventa contemporaneamente simbolo dell’umanità salvata e glorificata per mezzo del sacrificio di Cristo, e della Chiesa, sua sposa. Si compiono così le parole del Cantico dei Cantici (4,8): “Vieni dal Libano, sposa, vieni dal Libano, vieni, sarai incoronata”. In Simone dei Crocifissi l’iconografia è frequente. Tuttavia il dipinto ritrovato presenta una qualità pittorica altissima e un’integrità conservativa straordinaria.

L’esposizione si terrà il 12 dicembre 2018. Per tutte le informazioni potete telefonare al numero +39 051 6566210 oppure mandare una mail a segreteria@raccoltalercaro.it.

Nell’immagine: Simone dei Crocifissi, Incoronazione della Vergine (1382; tempera su tavola; Bologna, Raccolta Lercaro)

A Bologna verrà mostrata al pubblico l'Incoronazione della Vergine di Simone de' Crocifissi
A Bologna verrà mostrata al pubblico l'Incoronazione della Vergine di Simone de' Crocifissi


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER