La Normale legge Boccaccio: oltre 300 lettori a distanza narrano le novelle del Decameron


La Scuola Normale di Pisa ha ideato, per il tradizionale appuntamento delle Letture della Normale, la lettura a distanza del Decameron di Boccaccio. 

Per il tradizionale appuntamento delle Letture della Normale, la Scuola Normale Superiore di Pisa ha ideato di organizzare una lettura straordinaria ... a distanza. 

Da lunedì 16 marzo è stata avviata la lettura di uno dei fondamenti della letteratura italiana: il Decameron di Giovanni Boccaccio: cento novelle narrate attraverso le nuove tecnologie. Ogni lettore potrà leggere in video un piccolo brano e, una volta ricevuti i video, questi saranno uniti insieme. Sui canali sociali della Normale e sulla pagina Facebook delle Letture della Normale verranno pubblicate ogni giorno due novelle. 

Sono oltre trecento i lettori e le lettrici che hanno aderito all’iniziativa e che costituiscono l’allegra brigata. I video saranno online secondo un programma e in base a orari prestabiliti, alle ore 11, alle 18.30 e spesso anche alle 15. 

Le Letture della Normale sono una lunga tradizione di condivisione e di cultura: ogni anno gli allievi e le allieve organizzano una lettura collettiva dedicata a un capolavoro della letteratura: un’occasione per scoprire e riscoprire la letteratura, tutti insieme. Da due anni le Letture sono precedute da incontri e approfondimenti sull’autore e sull’opera con lezioni itineranti per la città tenuti da specialisti.

Ph.Credit

La Normale legge Boccaccio: oltre 300 lettori a distanza narrano le novelle del Decameron
La Normale legge Boccaccio: oltre 300 lettori a distanza narrano le novelle del Decameron


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma