La Normale legge Boccaccio: oltre 300 lettori a distanza narrano le novelle del Decameron


La Scuola Normale di Pisa ha ideato, per il tradizionale appuntamento delle Letture della Normale, la lettura a distanza del Decameron di Boccaccio. 

Per il tradizionale appuntamento delle Letture della Normale, la Scuola Normale Superiore di Pisa ha ideato di organizzare una lettura straordinaria ... a distanza. 

Da lunedì 16 marzo è stata avviata la lettura di uno dei fondamenti della letteratura italiana: il Decameron di Giovanni Boccaccio: cento novelle narrate attraverso le nuove tecnologie. Ogni lettore potrà leggere in video un piccolo brano e, una volta ricevuti i video, questi saranno uniti insieme. Sui canali sociali della Normale e sulla pagina Facebook delle Letture della Normale verranno pubblicate ogni giorno due novelle. 

Sono oltre trecento i lettori e le lettrici che hanno aderito all’iniziativa e che costituiscono l’allegra brigata. I video saranno online secondo un programma e in base a orari prestabiliti, alle ore 11, alle 18.30 e spesso anche alle 15. 

Le Letture della Normale sono una lunga tradizione di condivisione e di cultura: ogni anno gli allievi e le allieve organizzano una lettura collettiva dedicata a un capolavoro della letteratura: un’occasione per scoprire e riscoprire la letteratura, tutti insieme. Da due anni le Letture sono precedute da incontri e approfondimenti sull’autore e sull’opera con lezioni itineranti per la città tenuti da specialisti.

Ph.Credit

La Normale legge Boccaccio: oltre 300 lettori a distanza narrano le novelle del Decameron
La Normale legge Boccaccio: oltre 300 lettori a distanza narrano le novelle del Decameron


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER