Miart quest'anno si farà, ma in versione digitale online


L’edizione 2020 di Miart, la fiera internazionale d’arte contemporanea di Milano, si farà, ma in versione digitale.

Miart, la fiera internazionale d’arte moderna e contemporanea di Milano, quest’anno si farà, ma non nella forma a cui eravamo abituati: l’edizione 2020, infatti, si terrà in forma digitale, dal 10 al 13 settembre 2020. Quella di settembre sarà pertanto un’occasione di incontro virtuale che permetterà a galleristi e collezionisti di tutto il mondo di vivere diversamente la fiera con il lancio di nuovi strumenti digitali. Il tutto in attesa dell’edizione 2021, che sarà sia fisica che online.

La decisione è stata presa in stretta consultazione con galleristi, collezionisti, partner ed esperti e nasce da una valutazione di tutte le possibili soluzioni alternative. L’edizione 2020, col suo formato digitale, avrà dunque l’obiettivo di permettere al mondo di miart di incontrarsi attraversando i confini.

“L’appuntamento di settembre”, fa sapere l’organizzazione, “sarà a disposizione dei galleristi e degli operatori, con nuove e opportunità di promozione e business attraverso una chat per la contrattazione diretta con i collezionisti. Nella piattaforma digitale saranno anche presenti gli appuntamenti della Milano Art Week del Comune di Milano, che si terrà dal 7 al 13 settembre 2020, per ripartire in modo nuovo, in attesa di incontrarsi nuovamente per un’edizione sia fisica che digitale dal 9 all’11 aprile 2021 con preview prevista per l’8 aprile 2021”.

Tutti gli aggiornamenti saranno disponibili online sul sito della fiera.

Miart quest'anno si farà, ma in versione digitale online
Miart quest'anno si farà, ma in versione digitale online


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER