Modena, sui taxi della città arrivano opere d'arte contemporanea


A Modena opere di artisti contemporanei vanno... in taxi: un’iniziativa per portare letteralmente in giro l’arte contemporanea.

Opere d’arte contemporanea di artisti modenesi sui taxi che sono in servizio a Modena: è una mostra “itinerante” nel vero senso della parola quella che la società Tcom (azienda di prodotti e servizi per taxi) e la CNA di Modena lanciano col patrocinio del Comune. Intitolata Expotaxi, la mostra, nata grazie alla disponibilità dei tassisti modenesi associati al consorzio Radiotaxi Cotamo, porta sui mezzi di trasporto riproduzioni di cinque artisti, ovvero Cinzia Ascari, Andrea Chiesi, Pier Lanzillotta, Marino Neri e Beatrice Pucci.

L’iniziativa vuole essere una “mostra collettiva” su strada di artisti modenesi (di nascita o di adozione), che hanno condiviso il desiderio di portare le loro opere per la città utilizzando i taxi come sorta di tela su cui esporre e sviluppare idee creative accessibili a tutti, in un momento in cui le prolungate chiusure dei luoghi della cultura hanno creato un vuoto. Oggi, mercoledì 3 febbraio, è stato allestito un set fotografico in piazza Grande, di fianco al Duomo, per “immortalare” i taxi su cui hanno esposto gli artisti. Alcuni di loro erano presenti al set, insieme con l’assessore alla Cultura Andrea Bortolamasi e il presidente di Cotamo, Mirco Venturelli. L’intenzione dei promotori è quella di replicare e rendere continuativa l’esperienza, coinvolgendo anche altri artisti e altri linguaggi e stili creativi.

Modena, sui taxi della città arrivano opere d'arte contemporanea
Modena, sui taxi della città arrivano opere d'arte contemporanea


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma