Roma, la storica boutique di Bulgari si trasforma in una mostra di Giacomo Balla


In occasione del Natale di Roma, la storica boutique di Bulgari diventa sede di una mostra con dieci opere di Giacomo Balla.

Il 21 aprile, in occasione del Natale di Roma, la storica boutique di Bulgari in via Condotti accoglie dieci opere di Giacomo Balla. L’evento, organizzato in collaborazione con la Galleria d’Arte “Futurism&Co”, intende celebrare allo stesso tempo anche il centocinquantenario della nascita dell’artista torinese. 

Balla e Bulgari sono legati alla città di Roma: il primo si trasferì qui nel 1895, mentre un anno prima Sotirio Bulgaru aveva aperto la sua boutique in via Condotti. Balla viveva nella zona tra Villa Borghese e la campagna romana. Quando il Sotirio Bulgari morì nel 1932, la conduzione della boutique passò ai figli Giorgio e Costantino, e fu con quest’ultimo che la figlia di Balla, Elica, entrò in contatto nel 1961. La figlia del pittore realizzò un ritratto a pastello di Costantino Bulgari nella sua abitazione romana.

Nella Promenade, scenografico corridoio della boutique, sarà esposto Espansione di primavera; nel Salottino Taylor, dove spesso si rifugiava Elizabeth Taylor nel corso delle riprese del film Cleopatra, sarà visibile Linea di Velocità + cielo + rumore. Tra le altre opere esposte anche Colpo di fucile domenicale e Insidie di guerra

Immagine: Giacomo Balla, Colpo di fucile domenicale (1918)

Roma, la storica boutique di Bulgari si trasforma in una mostra di Giacomo Balla
Roma, la storica boutique di Bulgari si trasforma in una mostra di Giacomo Balla


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Barocco     Firenze     Frammenti