In tour a Bologna la lampada che si spegnerą quando finirą la povertą nel mondo


Dal 24 al 26 gennaio 2020 arriva a Bologna la prima opera datapoietica che si spegnerà quando finirà la povertà nel mondo. 

Dal 24 al 26 gennaio 2020 farà tappa a Bologna, in occasione di Art City, Obiettivo, la prima opera d’arte datapoietica alimentata da big data e dall’intelligenza artificiale. Nell’ex chiesa San Pietro Martire sarà infatti collocata una scultura di dati che si illumina a seconda di come le persone entrano ed escono dallo stato di povertà estrema nel mondo: i dati e la computazione divengono strumento per conoscere e comprendere le grandi questioni complesse del pianeta, come la povertà, il cambiamento, l’energia, le migrazioni, la salute, l’istruzione, e possono essere introdotti nello spazio pubblico urbano. 

Si tratta quindi di un oggetto datapoietico, attorno al quale le persone possono riunirsi per entrare in contatto con fenomeni complessi. 

A Bologna, in occasione di Obiettivo Bologna. La Datapoiesis nelle città: mostra, panel, percorso urbano dedicati al connubio tra arte, scienza e tecnologie, verrà ripetuto il rituale già sperimentato a Torino per esplorare nuove forme di connessione ed empatia grazie alle quali vivere dentro la globalizzazione. 

Autori dell’opera sono Salvatore Iaconesi e Oriana Persico, fondatori di AOS - Art is Open Source e del centro di ricerca HER - Human Ecosystems Relazioni.

Cuore dell’evento di art+b=love(?) on tour in collaborazione con Maison Ventidue, sarà venerdì 24 gennaio, quando si terrà un percorso urbano che porterà il pubblico all’inedita scoperta della città con un’edizione speciale di Gira la Cartolina, a cura di Piazza Grande: una passeggiata condotta da persone senza dimora dall’ingresso della Sala Borsa alla Ex Chiesa San Pietro Martire. La passeggiata si concluderà con un rituale datapoietico: riuniti intorno all’opera, i partecipanti ascolteranno i dati della povertà nel mondo trasformati in suoni e accompagnati dalla performance di Salvatore Iaconesi che, per mezzo di testi e visualizzazioni, tratterà la storia della povertà.  

Inoltre, negli Spazi di Kilowatt, presso le Serre dei Giardini Margherita si terrà un incontro sul tema della Datapoiesis nella città. Bologna, i dati, il welfare urbano, grazie a progettualità differenti accomunate dalla capacità di portare i dati nello spazio pubblico e di creare processi di attivazione cittadina. 

La mostra e il panel sono eventi gratuiti e aperti al pubblico. Le passeggiate Gira la Cartolina sono su prenotazione entro il 22 gennaio. 

Per info: www.Datapoiesis.com

In tour a Bologna la lampada che si spegnerą quando finirą la povertą nel mondo
In tour a Bologna la lampada che si spegnerą quando finirą la povertą nel mondo


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma