Visite notturne nel Parco Archeologico di Ercolano sulle tracce di Ercole


Il 28 agosto e il 4 settembre il Parco Archeologico di Ercolano propone, nell’ambito de I Venerdì di Ercolano, visite guidate notturne con proiezioni e videomapping

Il Parco Archeologico di Ercolano propone due serate speciali nell’ambito del programma Campania by night: I Venerdì di Ercolano. Il 28 agosto e il 4 settembre, grazie a SCABEC Regione Campania in collaborazione con il MIBACT, il Parco Archeologico di Ercolano e il Comune di Ercolano, si terranno visite guidate nel sito archeologico accompagnate da proiezioni di luci e riproposizioni in videomapping di alcuni dei capolavori di pittura e di scultura provenienti da Ercolano partendo dagli scavi borbonici.

Saranno proposti inoltre suggestivi Tableaux Vivants a cura di Teatri 35.

Le proiezioni e i tableaux vivants saranno incentrati sulla figura di Ercole, l’eroe che dà il nome alla città, e saranno presentati in una sequenza che, accompagnata dalla narrazione delle guide, suggerisce il fascino e la forza che il mito di Ercole ha sempre avuto nella storia. 

Le visite della durata di un’ora si svolgeranno dalle 20 alle 24 con partenze ogni dieci minuti, ultima partenza alle ore 23. Ciascuna serata vedrà un un massimo di diciannove visite. 

È consigliato acquistare i biglietti online sul sito www.ticketone.it fino alle 18 del giorno della visita, per fasce orarie di dieci minuti.
Intero 5 euro, ridotto per under 30 e over 65 e per possessori di Campania ArteCard 2,50 euro. Gratuito per under 18. 

 

Visite notturne nel Parco Archeologico di Ercolano sulle tracce di Ercole
Visite notturne nel Parco Archeologico di Ercolano sulle tracce di Ercole


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER