Passeggiate online (e non) tra le chiese milanesi: l'idea del Museo Diocesano di Milano


Il Museo Diocesano di Milano lancia un ciclo di incontri su Zoom per suggerire itinerari e passeggiate tra le chiese di Milano.

Il Museo Diocesano “Carlo Maria Martini” di Milano ha dato avvio al programma di incontri online Di chiesa in chiesa, ideato con l’obiettivo di sostenere l’istituto, dopo il successo dei primi cicli d’incontri che hanno fatto registrare centinaia di adesioni. L’obiettivo di Di chiesa in chiesa è quello di suggerire itinerari per passeggiate tra le chiese milanesi in un momento in cui i musei sono ancora chiusi: l’obiettivo è dunque quello di scoprire le chiese più significative della città e i tesori che custodiscono e che spesso non conosciamo (cappelle, cicli di affreschi, sculture e pale d’altare realizzate da importanti artisti). Il ciclo, a cura del Museo Diocesano, si concluderà con un approfondimento di Luca Frigerio, giornalista e scrittore, dedicato al Cenacolo di Leonardo. Gli incontri sono tenuti da Arianna Piazza, Servizi educativi Museo Diocesano.

Dopo il primo appuntamento di giovedì 15 aprile, dedicato a Sant’Ambrogio e che ha avuto grande successo, si prosegue il 29 maggio con Santa Maria presso San Celso, il 6 maggio con Santa Maria delle Grazie e il 13 maggio con il Cenacolo. Le lezioni si svolgono il giovedì a settimane alterne e prevedono l’utilizzo della piattaforma Zoom. Tutti gli incontri sono alle ore 18:30, durano 60 minuti e il costo dell’intero ciclo di quattro incontri è di 10 euro (non è possibile l’acquisto del singolo incontro). I link vengono inviati in unica soluzione all’atto della conferma di acquisto. È possibile acquistare il ciclo entro le 17:30 del 13 maggio. Per informazioni è possibile consultare il sito del museo.

Oltre agli incontri del ciclo Di chiesa in chiesa proseguono gli incontri gratuiti del ciclo L’ospite inatteso, una speciale serie di appuntamenti online per rimanere in contatto con il proprio pubblico. Ogni settimana la direttrice Nadia Righi incontra virtualmente storici dell’arte, giornalisti, direttori di museo per conoscere attraverso libri, mostre, progetti, opere d’arte le molteplici sfumature della bellezza. Oltre a questi, da segnare in agenda gli incontri del ciclo Appuntamento con la fotografia, dedicato proprio a quest’arte, con curatori e giornalisti che avvicinano il pubblico a questo affascinante mondo. Tutti gli incontri, della durata di 60 minuti, sono gratuiti: verrà pubblicato il link di accesso all’incontro nei giorni precedenti. Gli incontri prevedono l’utilizzo della piattaforma Zoom. La piattaforma prevede fino a 1000 partecipanti (accesso fino ad esaurimento posti). Ecco i prossimi appuntamenti:

Lunedì 19 aprile ore 18
L’ospite inatteso: le Gallerie degli Uffizi
Incontro con Eike Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi di Firenze
Direttore degli Uffizi dal 2015, Eike Schmidt ha riportato grande attenzione su uno dei musei più importanti del nostro Paese, riallestendo le Gallerie, proponendo una programmazione culturale di altissimo livello ed una innovativa strategia di comunicazione che ha centrato l’obiettivo di coinvolgere il pubblico più giovane. Sarà lui stesso a raccontarci i “nuovi” Uffizi.

Lunedì 26 aprile ore 18
L’ospite inatteso: Palazzo Strozzi e le sue grandi mostre
Incontro con Arturo Galansino, direttore della Fondazione Palazzo Strozzi di Firenze
Dinamico centro culturale di livello internazionale, Palazzo Strozzi rappresenta un punto di riferimento nel panorama italiano: una piattaforma in cui produrre e fruire l’arte attraverso un ricco programma di mostre e attività culturali. Ne parliamo insieme ad Arturo Galansino che, alla guida della Fondazione dal 2015, ha proposto mostre innovative, sperimentato nuove opportunità e forme di coinvolgimento del pubblico.

Martedì 27 aprile ore 18:30
Appuntamento con la fotografia: La fotografia per raccontare il mondo
Incontro con Barbara Silbe, giornalista, curatore e direttore di Eyesopen! Magazine
Una introduzione sullo storytelling, su come si racconta una storia, sia scritta che visiva, e su quanto ciò sia importante per leggere e riconsegnare al futuro gli accadimenti che la nostra società ha vissuto. Barbara Silbe presenta alcuni esempi di storie narrate dai grandi fotografi internazionali e italiani, da protagonisti del passato ad autori contemporanei.

Martedì 4 maggio ore 18
L’ospite inatteso: il Museo Egizio di Torino
Christian Greco, direttore della Fondazione Museo Egizio di Torino
Sotto la guida di Greco il Museo Egizio di Torino, che custodisce la seconda collezione di arte egizia più importante al mondo dopo quella del Cairo, ha conosciuto una stagione di rilancio, rinnovando le sale espositive nel 2015, aprendosi alla cittadinanza con iniziative di dialogo interculturale, e riprendendo l’attività di ricerca. Il direttore Christian Greco ci racconta il “suo” museo.

Martedì 11 maggio ore 18:30
Appuntamento con la fotografia: La fotografia contemporanea
Incontro con Denis Curti, Direttore artistico della Casa dei TRE OCI, Venezia
La storia della fotografia è, prima di tutto, un investimento dell’umanità sul proprio modo di vedere il mondo e di interagire con esso. Denis Curti illustra la storia di questa forma di arte figurativa – dall’epoca analogica dei grandi reporter al flusso digitale dei social – delineando un percorso attraverso gli avvenimenti, i protagonisti e gli strumenti.

Immagine: Santa Maria presso San Celso, interno

Passeggiate online (e non) tra le chiese milanesi: l'idea del Museo Diocesano di Milano
Passeggiate online (e non) tra le chiese milanesi: l'idea del Museo Diocesano di Milano


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma