Al Museo Novecento si può votare il desiderio per il 2020. E il 31 dicembre l'ingresso è gratuito


Il Museo Novecento di Firenze invita i visitatori a votare il desiderio per il 2020. Il 31 dicembre ingresso gratuito alla collezione permanente e alle mostre temporanee.

Al Museo Novecento di Firenze si può votare il desiderio del 2020: in una vera cabina elettorale, i visitatori possono eleggere il desiderio per l’anno che verrà.

Il 31 dicembre 2019, dalle ore 10 alle 22, il Museo Novecento sarà aperto gratuitamente: nel corso della mattinata, il museo offrirà, a cura dell’Associazione MUS.E, visite guidate al percorso museale a ingresso gratuito (per prenotazioni scrivere a info@muse.comune.fi.it o telefonare al numero 055 2768224).

Gli ultimi  giorni dell’anno si guarda al futuro e per questo il Museo Novecento proporrà una lista di dieci desideri per il 2020. Il “desiderio dei desideri” verrà annunciato nei primi giorni di gennaio e sarà al centro di un progetto speciale del museo nel prossimo anno.

Il 31 dicembre 2019 i visitatori potranno visitare gratuitamente la collezione permanente e le mostre temporanee in corso: La poetica del segno, antologica dedicata a Bice Lazzari; la monografica Solo dedicata a Mirko Basaldella; la personale Lucciole per lanterne di Wang Yuyang; l’opera video L’eccezione di Rä di Martino e l’installazione site specific di Rebecca Moccia dal titolo Da qui tutto bene

Per info: www.museonovecento.it

 

Al Museo Novecento si può votare il desiderio per il 2020. E il 31 dicembre l'ingresso è gratuito
Al Museo Novecento si può votare il desiderio per il 2020. E il 31 dicembre l'ingresso è gratuito


Acquista il nostro libro Cronache dal mondo dell'arte 2020
Tutto il 2020 in un libro di 430 pagine con 60 fotografie a colori, in una selezione di 60 articoli scelti dalla redazione di Finestre sull'Arte.
CLICCA QUI
PER INFORMAZIONI



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER