Al Museo Novecento si può votare il desiderio per il 2020. E il 31 dicembre l'ingresso è gratuito


Il Museo Novecento di Firenze invita i visitatori a votare il desiderio per il 2020. Il 31 dicembre ingresso gratuito alla collezione permanente e alle mostre temporanee.

Al Museo Novecento di Firenze si può votare il desiderio del 2020: in una vera cabina elettorale, i visitatori possono eleggere il desiderio per l’anno che verrà.

Il 31 dicembre 2019, dalle ore 10 alle 22, il Museo Novecento sarà aperto gratuitamente: nel corso della mattinata, il museo offrirà, a cura dell’Associazione MUS.E, visite guidate al percorso museale a ingresso gratuito (per prenotazioni scrivere a info@muse.comune.fi.it o telefonare al numero 055 2768224).

Gli ultimi  giorni dell’anno si guarda al futuro e per questo il Museo Novecento proporrà una lista di dieci desideri per il 2020. Il “desiderio dei desideri” verrà annunciato nei primi giorni di gennaio e sarà al centro di un progetto speciale del museo nel prossimo anno.

Il 31 dicembre 2019 i visitatori potranno visitare gratuitamente la collezione permanente e le mostre temporanee in corso: La poetica del segno, antologica dedicata a Bice Lazzari; la monografica Solo dedicata a Mirko Basaldella; la personale Lucciole per lanterne di Wang Yuyang; l’opera video L’eccezione di Rä di Martino e l’installazione site specific di Rebecca Moccia dal titolo Da qui tutto bene

Per info: www.museonovecento.it

 

Al Museo Novecento si può votare il desiderio per il 2020. E il 31 dicembre l'ingresso è gratuito
Al Museo Novecento si può votare il desiderio per il 2020. E il 31 dicembre l'ingresso è gratuito


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Cinquecento     Novecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma