La Grecia dice no a Gucci: niente sfilata all'Acropoli, neanche per 56 milioni


“Incompatibile con l’evento”. Così, in una nota, il KAS - Kentrikou Archaiologhikou Symbouliu (Consiglio Archeologico Centrale della Grecia) ha rifiutato di concedere l’utilizzo dell’Acropoli di Atene alla maison fiorentina Gucci, che in cambio aveva proposto un conguaglio economico per “affittare” l’acropoli.

Il Consiglio ha però respinto all’unanimità la richiesta di Gucci: “Il carattere culturale unico dei monumenti dell’Acropoli è incompatibile con l’evento, poiché tali monumenti sono simboli di civiltà e fanno parte del patrimonio UNESCO”. Non c’è comunque grande chiarezza sulle cifre in ballo. Il sito Greek Reporter afferma che Gucci avrebbe messo sul tavolo due milioni di euro destinati a restauri in cambio della concessione degli spazi per uno show di moda della durata di tre quarti d’ora con ospiti internazionali, tra i quali anche star di Hollywood. Il quotidiano Athenaiko-Makedoniko riporta invece la cifra di un milione di euro per lo show, e 55 milioni per “attività promozionali” e per avere il permesso di trasmettere lo spettacolo in tutto il mondo.

Il ministro della cultura greco, Lydia Koniordou, parlando ai microfoni dell’emittente televisiva ERT, ha dimostrato apprezzamento per la scelta del KAS, con il quale ha dichiarato di concordare al 100%. Il direttore del Museo dell’Acropoli, Dimitri Pantermalis, ha invece dichiarato che “Il Partenone e l’Acropoli non hanno bisogno di pubblicità. Non ci sarebbero stati benefici da questo evento. Il punto è che non vogliamo sminuire un simbolo culturale piazzandoci davanti un palco, perché il protagonista principale sarebbe stato la sfilata, e non l’Acropoli”.

Ettore Livini di Repubblica, ha commentato così la notizia: "Poveri sì, insomma, ma non abbastanza da mettere in vendita l’anima del paese [...]. La storia (e la dignità) della Grecia non sono in vendita. Nemmeno oggi che lo Stato è quasi in bancarotta".

Fonti: Kathimerini - Greek Reporter - ANMA Athenaiko-Makedoniko - Repubblica.

Aggiornamento del 16 febbraio
Gucci ha rilasciato una nota attraverso cui ha smentito le cifre dichiarate dai mezzi d’informazione: “Confermiamo di aver avuto un incontro con le autorità elleniche per esplorare la possibilità di un progetto di collaborazione culturale a lungo termine. Il nostro marchio non è nuovo a iniziative di questo genere; negli ultimi anni abbiamo collaborato con istituzioni quali Palazzo Strozzi a Firenze, Minsheng Museum a Shanghai, Chatsworth House in Inghilterra e LACMA a Los Angeles. Le speculazioni pubblicate relative a presunti impegni o offerte economiche diretti o indiretti, sono destituite da ogni fondamento”.

La foto a corredo dell’articolo è rilasciata nel pubblico dominio.

La Grecia dice no a Gucci: niente sfilata all'Acropoli, neanche per 56 milioni
La Grecia dice no a Gucci: niente sfilata all'Acropoli, neanche per 56 milioni

Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER







Login

Username / EmailPassword

Ricordami

Password dimenticata?

Non hai ancora un account? Registrati ora!!!

Tag cloud


Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Toscana    

Strumenti utili