Ad Albissola Marina la quarta tappa della prima retrospettiva su Piero Simondo


Dopo le tappe di Alba, Torino e San Maurizio Canavese, la prima grande retrospettiva su Piero Simondo, uno dei protagonisti della seconda metà del Novecento, arriva ad Albissola Marina. Dal 4 giugno al 4 settembre.

Dal 4 giugno al 4 settembre 2022, il MuDA di Albissola Marina ospita, nelle due sedi del Centro Esposizioni e della Casa Museo Jorn, la mostra Piero Simondo. Laboratorio Situazione Esperimento, dedicata a uno dei maggiori artisti della seconda metà del Novecento, Piero Simondo (Cosio di Arroscia, 1928 - Torino, 2020), promossa dal Comune di Albissola Marina e dall’Archivio Simondo, con il contributo fondamentale della Fondazione De Mari. La mostra di Albissola (curata da Luca Bochicchio e Daniele Panucci) rappresenta la quarta tappa della mostra che a sua volta è la prima retrospettiva antologica su Piero Simondo. Le prime tre tappe si sono tenute ad Alba (Chiesa di San Domenico), Torino (Accademia Albertina) e San Maurizio Canavese (Casa Ramello) lo scorso autunno. Inoltre, durante l’estate, a Cosio di Arroscia, paese natale di Simondo, si terrà la tavola rotonda conclusiva di questo grande evento. Nel suo complesso, questo ampio progetto espositivo ha avuto il significativo sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, della Regione Piemonte e della Compagnia di San Paolo, nonché dei soci sostenitori dell’Associazione Archivio Simondo.

Le sale espositive del Centro esposizioni del MuDA e di Casa Museo Jorn ospiteranno una accurata selezione di dipinti, monotipi, sculture e video che, attraverso la loro eterogeneità, scandiscono i decenni di attività di Piero Simondo, attraversando tutta la seconda metà del secolo e soffermandosi su aspetti poco noti della produzione artistica dell’artista originario di Cosio di Arroscia. Oltre ai monotipi – con cui l’artista diede inizio alla propria ricerca sperimentale ad Alba, nei primi anni Cinquanta insieme a Pinot Gallizio e, successivamente, ad Asger Jorn - in mostra saranno presenti le topologie, i dipinti tridimensionali realizzati a partire dai primi anni Sessanta a Torino, che costituiscono una sorta di corrispettivo sperimentale agli studi teorici sul concetto di spazio nelle teorie di Poincaré (oggetto della tesi di laurea in Filosofia di Simondo, all’Università di Torino con il Prof. Nicola Abbagnano). Saranno inoltre esposti alcuni grandi dipinti che denotano la tensione verso lo spazio e l’ambiente architettonico, sottolineato anche da pannelli decorativi e sculture mobili.

Tra gli anni Sessanta e Novanta l’artista sperimentò diverse tecniche di generazione spontanea dell’immagine (tra cui ipo-pitture, nitroraschiati, decalcomanie, collage), che nella mostra albissolese trovano ampio spazio. Attraverso la mostra diffusa sarà infatti possibile conoscere meglio l’originale ricerca artistica di Simondo, figura che ebbe un’importanza notevole per lo sviluppo delle relazioni artistiche, intellettuali e culturali internazionali nella città di Torino e nel territorio cuneese e savonese.

Interessato ai processi di creazione delle immagini e alla situazione-laboratorio, Simondo ha sempre sperimentato tecniche e linguaggi espressivi anti-convenzionali. Evitando di appiattirsi su correnti o stili e creando opere con tecniche e materiali disparati, egli elaborò metodologie e teorie anche in forma scritta, realizzando numerosi libri e saggi su temi quali lo strutturalismo, il labirinto, il pensiero logico, la psicologia della conoscenza, l’arte elettronica. Analizzando le opere, i testi teorici e i progetti, è possibile seguire gli sviluppi del pensiero critico di un uomo che ha sempre cercato e trovato nel laboratorio e nella ricerca sperimentale le chiavi metodologiche e processuali di un’attività artistica in costante movimento, praticata in chiave sociale e didattica, oltre che estetica. Accompagneranno le opere alcuni video sperimentali ritrovati nell’archivio personale dell’artista.

Casa Museo Jorn ospita due sezioni sperimentali: un allestimento nello studio di Jorn con alcune tra le più importanti opere di Simondo in dialogo tra loro e con il suggestivo spazio; mentre nella casa, le opere realizzate da Jorn con i bambini, nell’ambito del secondo esperimento del Movimento Internazionale per un Bauhaus Immaginista del 1955, entrano in relazione con le opere realizzate dai bambini allievi di Franco Brunetta. Brunetta (curatore di questa specifica sezione), fondatore de "La Bottega delle Nuove Forme” (San Maurizio Canavese), maestro di scuola e soprattutto allievo e amico di Simondo, insieme ai bambini “bottegai” ha portato avanti i laboratori sperimentali di Simondo, proseguendone e sviluppandone i principi.

Il progetto è accompagnato da un ricco volume bilingue (italiano e inglese), edito da Gli Ori e Albertina Press, che contiene le immagini a colori delle opere esposte e una raccolta di testi inediti di autorevoli studiosi di storia dell’arte, di filosofia e visual studies: Luca Avanzini, Paul Bernard, Luca Bochicchio, Franco Brunetta, Flaminio Gualdoni, Karen Kurczynski, Lisa Parola, Sandro Ricaldone, Maria Teresa Roberto, Marco Senaldi, Sara Tongiani. Il volume si potrà acquistare nel bookshop del museo, ordinandolo in libreria o nelle principali piattaforme online, oppure scrivendo a laboratoriosimondo@gmail.com. Per informazioni visitare il sito del MuDA di Albissola Marina.

Immagine: Piero Simondo, Composizione polimaterica (1961; tecnica mista su tela, 85 x 85 cm). Foto di Andrea Guermani

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraPiero Simondo. Laboratorio Situazione Esperimento
CittàAlbissola Marina
SedeMuDA
DateDal 04/06/2022 al 04/09/2022
ArtistiPiero Simondo
CuratoriLuca Bochicchio, Daniele Panucci
TemiNovecento

Ad Albissola Marina la quarta tappa della prima retrospettiva su Piero Simondo
Ad Albissola Marina la quarta tappa della prima retrospettiva su Piero Simondo


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE