Il videoartista turco Ali Kazma al MAXXI di Roma con i suoi video che indagano il mondo al tempo della globalizzazione


Dal 5 al 17 novembre 2019, il MAXXI di Roma ospita Film Essays 1&2, rassegna del videoartista turco Ali Kazma (Istanbul, 1971), che con una selezione di suoi video illustra la sua visione del mondo al tempo della globalizzazione (esplorando l’identità dei luoghi, le storie di singoli umani o di gruppi, con indagini separate ma messe assieme come fossero pezzi di un ampio mosaico).

Fin dal suo esordio, all’inizio degli anni 2000, Ali Kazma presta molta attenzione alle trasformazioni sociali ed economiche della Turchia moderna, facendosi attento testimone delle contraddizioni tra passato e modernità del paese. In particolare, si è concentrato sui processi di trasformazione della nuova realtà emergente con una serie di video che ne coprono i diversi aspetti. Successivamente ha spostato la sua attenzione dal processo di cambiamento della realtà turca all’esplorazione di altri contesti in diverse aree del mondo.

Per tutte le informazioni potete visitare il sito ufficiale del MAXXI.

Nell’immagine: still video da Safe (2015) di Ali Kazma

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraTalk. Ali Kazma
CittàRoma
SedeMAXXI
DateDal 05/11/2019 al 17/11/2019
ArtistiAli Kazma
TemiArte contemporanea

Il videoartista turco Ali Kazma al MAXXI di Roma con i suoi video che indagano il mondo al tempo della globalizzazione
Il videoartista turco Ali Kazma al MAXXI di Roma con i suoi video che indagano il mondo al tempo della globalizzazione


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma