A Palermo una mostra su Andrea Di Marco nel decennale della scomparsa


A dieci anni dalla scomparsa, Palermo ricorda Andrea Di Marco, uno dei pittori più interessanti degli ultimi anni, con la mostra “Pegno” in programma al Monte dei Pegni di Palazzo Branciforte dal 10 novembre 2022 all’8 gennaio 2023.

Una mostra a Palermo, al Monte dei Pegni di Palazzo Branciforte, per ricordare uno dei pittori italiani più interessanti degli ultimi anni, Andrea Di Marco (Palermo, 1970 – 2012), nel decennale della scomparsa. La rassegna, a cura di Sergio Troisi e Alessandro Pinto, si intitola Pegno, si tiene dal 10 novembre 2022 all’8 gennaio 2023, ed è concepita, sin dal luogo e dall’allestimento, come un omaggio all’inconfondibile poetica figurativa dell’artista: nei grandi ambienti del Monte dei Pegni, oggi sede della Fondazione Sicilia, sono infatti collocati circa trenta suoi dipinti anche di grandi dimensioni, posti in un dialogo serrato con le scaffalature lignee che a perdita d’occhio percorrono le sale. L’esposizione è promossa dall’Archivio Andrea Di Marco in collaborazione con la Fondazione Sicilia e l’Accademia di Belle Arti di Palermo e realizzata con il contributo di Elenk’Art e Galleria Bonelli.

Il titolo della mostra si riferisce non soltanto al luogo che la ospita, ma richiama anche la semplicità elusiva di molti titoli scelti da Di Marco per le sue opere (Apecasse, Radar, Seduto, Steso, solo per citarne alcune esposte). La memoria dei poveri oggetti consegnati in pegno si intreccia così con quella delle semplici cose dipinte da Di Marco, in bilico tra attesa e abbandono: sedie, poltrone, biciclette, giocattoli, ombrelloni, abiti, stoffe, ma anche saracinesche abbassate su strade deserte e motoape cariche di cassette. Tutti soggetti ricorrenti nella sua produzione, in una sorta di inventario fisico e mentale che la resa della materia pittorica carica di una fissità straniata e malinconica. Il sentimento del vuoto, implicito in questi paesaggi urbani privati, all’improvviso e come per incantesimo, del loro abituale movimento, viene reiterato nell’esposizione dalla trama ritmica e appena variata delle scaffalature.

In mostra sono raccolti i lavori più emblematici dell’autore, quelli popolati da oggetti abbandonati o in disuso, ma anche quelli che meglio rappresentano quel particolare realismo che ha portato Andrea Di Marco a essere sempre più identificato con Palermo e la Sicilia, mettendone in evidenza lo sguardo beffardo e allo stesso tempo malinconico.

Con Alessandro Bazan, Francesco De Grandi e Fulvio Di Piazza, Andrea Di Marco aveva dato vita, tra la fine degli anni Novanta e gli inizi del 2000, alla Scuola di Palermo, sodalizio che si era affermato sulla scena artistica italiana “in un momento”, spiega il curatore Sergio Troisi, “in cui la fase del ritorno alla pittura declinava in favore di un diverso orizzonte di proposte concettuali e di nuovi media, individuando un punto di convergenza e irradiazione dei quattro percorsi nell’idea stessa della pittura, della sua materia e della sua stratificata memoria, come luogo di esplorazione del sentimento contemporaneo”. Il severo rigore formale di Di Marco, in particolare, dava a ogni suo soggetto un’evidente concretezza, gli restituiva profondità e luminosità, ponendosi in continuità con la storia dell’arte e dell’umanità.

La mostra apre dal giovedì alla domenica dalle 9:30 alle 14:30. Chiuso il 25 dicembre, aperto il 24 e il 31 dicembre, sempre con orario 9:30-14:30. Ingresso: intero 7 euro, ridotto 5 euro. Per informazioni scrivere all’Archivio Andrea Di Marco all’indirizzo info@archivioandreadimarco.org.

Immagine: Andrea Di Marco, Apecasse (2010; olio su tela, 45 x 60 cm)

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraAndrea Di Marco. Pegno
CittàPalermo
Sedeex Monte dei Pegni di Palazzo Branciforte
DateDal 10/11/2022 al 08/01/2023
ArtistiAndrea di Marco
CuratoriSergio Troisi, Alessandro Pinto
TemiArte contemporanea

A Palermo una mostra su Andrea Di Marco nel decennale della scomparsa
A Palermo una mostra su Andrea Di Marco nel decennale della scomparsa


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Ad Aosta una grande retrospettiva sul fotografo francese Robert Doisneau
Ad Aosta una grande retrospettiva sul fotografo francese Robert Doisneau
A Pontedera arriva “I Love Lego”: in mostra città create con i Lego
A Pontedera arriva “I Love Lego”: in mostra città create con i Lego
Roma, a Villa Medici le opere di Giuseppe Penone nelle stanze del cardinale Ferdinando
Roma, a Villa Medici le opere di Giuseppe Penone nelle stanze del cardinale Ferdinando
Al Museo di Roma in Trastevere una mostra dedicata alla graphic novel “Heimat” di Nora Krug
Al Museo di Roma in Trastevere una mostra dedicata alla graphic novel “Heimat” di Nora Krug
Venezia, a Palazzo Grassi una grande mostra su Henri Cartier-Bresson curata da cinque personalità dell'arte
Venezia, a Palazzo Grassi una grande mostra su Henri Cartier-Bresson curata da cinque personalità dell'arte
Al Palazzo Ducale di Genova una grande mostra su Tina Modotti, celebre fotografa del Novecento
Al Palazzo Ducale di Genova una grande mostra su Tina Modotti, celebre fotografa del Novecento