Bologna, Genus Bononiae dedica una mostra-show alla vita e alle opere di Antonio Vivaldi


Vivaldi. La mia vita, la mia musica è il titolo della nuova mostra in programma a Palazzo Fava a Bologna dal 24 maggio al 3 novembre 2019. Una mostra insolita per le sale carraccesche del Palazzo delle Esposizioni di Genus Bononiae. Musei nella città, che per la prima volta ospita un grande spettacolo immersivo per raccontare in maniera inedita vita ed opere di Antonio Vivaldi (Venezia, 1678 - Vienna, 1741), uno dei compositori più noti ed eseguiti al mondo.

La mostra-show, prodotta da Emotional Experiences S.r.l. e da Genus Bononiae. Musei nella città, intende raccontare il grande compositore ad un pubblico trasversale, dagli appassionati di musica classica a tutti coloro che vorranno esplorare un’esistenza straordinaria come quella dell’autore de Le Quattro Stagioni. Tra spettacolari immagini, proiezioni videomapping che sfondano le pareti creando nuove architetture, scenografie ed ambienti liberamente ricostruiti e musiche immersive, il percorso espositivo narra la vicenda umana ed artistica del “Prete Rosso” (così era chiamato per via della sua chioma fulva). Dall’infanzia al sacerdozio, dagli anni di insegnamento di musica presso l’Ospedale della Pietà di Venezia, dove erano ospitati gli orfani della città, ai successi internazionali, fino all’oblio che coprì per quasi due secoli la sua musica e alla riscoperta della sua opera da parte di Ezra Pound: un vero e proprio vortice di emozioni nelle quali arte e vita si intrecciano inestricabilmente.

“Vivaldi è un personaggio affascinante e uno dei grandi maestri della musica, ma la sua vita è poco conosciuta”, dice Fabio Roversi-Monaco, Presidente di Genus Bononiae. “La dimensione profondamente umana con cui si racconta in questa mostra spettacolo, restituisce l’uomo e lo avvicina a tutti, non solo al pubblico di appassionati e studiosi di opere classiche. Il visitatore resterà affascinato dalla capacità della tecnologia di mostrare la sua musica, attraverso le immagini”.

Se è la voce di Anna Maria, piccola orfanella dell’Ospedale della Pietà, ad accompagnare attraverso l’audioguida il visitatore nella prima parte del percorso, ad attenderlo al Piano Nobile è invece quella inconfondibile di Giancarlo Giannini, attore e indimenticabile doppiatore dell’Olimpo delle star hollywoodiane. “È un Giannini/Vivaldi ormai anziano, giunto al termine delle stagioni della sua vita, ”a regalarci una confessione amicale ed intima, tra dolci nostalgie e orgogliosa difesa della propria integrità morale, ma soprattutto un’appassionata dichiarazione d’amore verso la musica, per onorare la quale combatté con una seria forma d’asma che lo accompagnò per tutta l’esistenza", dice Francesco Maria Bernardi, Presidente di Emotional Experiences S.r.l.

Il percorso si snoda attraverso le sale del Piano Nobile di Palazzo Fava: dalla Sala Carracci, in cui ad accompagnare lo spettatore è il Vivaldi bambino raccontato per immagini, al cuore del furor creativo, dal sacerdozio agli anni di insegnamento alle orfanelle. La Sala Rubianesca ospita la ricostruzione di un teatro d’epoca, durante l’esecuzione delle opere: ad essa succede la Sala Giasone, ultima tappa del percorso, che lascia spazio ad un trionfo di musiche e immagini fino all’acme del finale.

Un percorso che sarà fruibile anche dai più piccoli: sono infatti a disposizione audioguide ad hoc con testi adattati, che permetteranno anche ai bambini di intraprendere il viaggio alla scoperta delle musiche immortali di uno dei più grandi compositori di tutti i tempi.

Per tutte le informazioni potete visitare il sito ufficiale di Genus Bononiae.

Fonte: comunicato

Bologna, Genus Bononiae dedica una mostra-show alla vita e alle opere di Antonio Vivaldi
Bologna, Genus Bononiae dedica una mostra-show alla vita e alle opere di Antonio Vivaldi


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER