Carrà 140: Alessandria ripercorre l'arte del grande pittore delle avanguardie


Alessandria ripercorre in mostra tutte le fasi artistiche di Carlo Carrà, in occasione dei 140 anni dalla nascita del pittore.

In occasione dei 140 anni dalla nascita di Carlo Carrà (Quargnento 1881 – Milano 1966), Alessandria omaggia con una mostra il celebre pittore, tra i protagonisti delle avanguardie: sarà la Quadreria del Broletto di Palatium Vetus a ospitare infatti fino al 3 ottobre 2021 quarantaquattro opere, di cui alcune inedite, che l’artista realizzò dal 1898 al 1965. 

Carrà 140. Opere della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria e da collezioni private alessandrine, questo il titolo della rassegna, è curata da Fulvio Cervini, Maria Luisa Caffarelli e Rino Tacchella, è promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria e realizzata dalla società partecipata Palazzo del Governatore srl. 

Sono esposte 44 opere, tra oli, disegni e acqueforti, provenienti dalla collezione d’arte della Fondazione e in parte da collezionisti alessandrini: il percorso artistico di Carlo Carrà è testimoniato in mostra in ogni sua fase dal divisionismo all’esperienza futurista, dalla parentesi metafisica alla tradizione figurativa, ai paesaggi dipinti in molti luoghi della penisola.

L’esposizione si sviluppa seguendo un allestimento circolare che intende ripercorrere le fasi della produzione dell’artista, con una particolare attenzione ai paesaggi, tipici di tutta la sua produzione e in particolare dell’ultimo periodo. Opera icona della mostra è il collage Lacerba e bottiglia del 1914 compiuta al ritorno da Parigi dopo aver conosciuto il cubismo di Picasso e di Braque.

Tra le altre opere in mostra, il Grande fregio con putti danzanti del primo decennio del Novecento, Punta della dogana del 1948, il primo dipinto acquistato dalla Fondazione nel 2004; una serie di incisioni mai esposte in cui tornano i temi più cari all’artista e, provenienti in parte da collezionisti privati alessandrini, numerosi paesaggi, dipinti in Versilia, a Venezia, a Firenze e in Umbria, tra cui Campagna di Versilia risalente al 1965. 

“A distanza di otto anni dal recupero di Palatium Vetus”, dichiara il presidente Luciano Mariano, “la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria torna a organizzare nella Quadreria del Broletto una mostra d’arte, dedicata al grande artista alessandrino, Carlo Carrà con l’obiettivo di dare valore e conoscenza ai protagonisti dello scenario culturale del territorio in cui la Fondazione opera, in linea con gli obiettivi da sempre perseguiti anche nel costruire la collezione d’arte che è parte fondamentale della sua stessa identità. La rassegna rappresenta il primo capitolo di un ampio progetto che vede la Fondazione rendere via via sempre più fruibili al pubblico le opere della sua collezione, composta in prevalenza dai lavori di artisti in vario modo legati al territorio, come lo stesso Carrà, e lungo una strada che si dipana dal XV al XXI secolo”.

Immagine: Carlo Carrà, I pagliai (1953; olio su tela, 40 x 50 cm; collezione privata)

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraCarrà 140. Opere della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria e da collezioni private alessandrine
CittàAlessandria
SedeQuadreria del Broletto di Palatium Vetus
DateDal 30/11/-0001 al 03/10/2021
ArtistiCarlo Carrà
CuratoriFulvio Cervini, Maria Luisa Caffarelli, Rino Tacchella
TemiCarlo Carrà, Alessandria, Quadreria del Broletto di Palatium Vetus, avanguardie

Carrà 140: Alessandria ripercorre l'arte del grande pittore delle avanguardie
Carrà 140: Alessandria ripercorre l'arte del grande pittore delle avanguardie


Finestre sull'arte
Se questo articolo ti è piaciuto o lo hai ritenuto interessante,
iscriviti alla nostra newsletter gratuita!
Niente spam, una sola uscita la domenica, più eventuali extra, per aggiornarti su tutte le nostre novità!

La tua lettura settimanale su tutto il mondo dell'arte

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Toscana     Firenze     Barocco     Roma