Alla Fondazione Pistoletto artisti contemporanei in mostra tra video, scultura, disegno e pittura


Cittadellarte – Fondazione Pistoletto ospita la mostra collettiva “Quattro pezzi (non tanto) facili”: un confronto tra diverse procedure artistiche attraverso le opere di quattro artisti delle più recenti generazioni. 

Cittadellarte – Fondazione Pistoletto presenta nell’ambito della ventiquattresima edizione di Arte al centro, rassegna di mostre, incontri e seminari che raccontano pratiche artistiche di trasformazione dei contesti sociali in cui si sviluppano, la mostra collettiva Quattro pezzi (non tanto) facili, a cura di Giorgio Verzotti e in collaborazione con Woolbridge Gallery.

Quattro artisti appartenenti alle più recenti generazioni (Filippo Berta, Massimo De Caria, Carlo e Fabio Ingrassia e Daniele Innamorato) aprono a un confronto tra diverse procedure artistiche. Il video, la scultura, il disegno e la pittura convivono in uno spazio comune.

L’iniziativa nasce da una scelta di Michelangelo Pistoletto, tra i partecipanti alla mostra collettiva Zona Bianca Zero, aperta nel novembre 2021 presso la Woolbridge Gallery, un grande ex-spazio industriale divenuto galleria d’arte. Pistoletto ha deciso di ospitare, a sua scelta, quattro tra gli altri artisti partecipanti alla mostra e ha proposto quest’altra occasione espositiva presso la sua Fondazione.

Massimo De Caria propone sculture ridotte al minimo rilievo plastico, quasi vibratili sensori, oppure opere appena piu strutturate ma giocate sull’accostamento tra materiali quali vetro, acqua e metalli che creano reazioni chimiche capaci di mutare l’aspetto dell’insieme. Daniele Innamorato, che è anche fotografo e graphic designer, adotta una pittura irruenta, espressa al meglio su grandi dimensioni, con la quale crea spettacolari corpo-a-corpo con la materia (olio o acrilico o altro) e con la vitalità del colore. Filippo Berta con il suo video Gente comune e con le foto, i disegni e le sculture a esso legati ci pone a confronto con l’aspetto dispotico e oppressivo del mondo globalizzato, tra divisioni e disuguaglianze. Lo fa tuttavia con una carica poetica tanto intensa da diventare liberatoria. Carlo e Fabio Ingrassia sono in grado di coniugare una sapienza tecnica nel rendere i minuscoli brani di realtà dei loro minuziosi disegni con una grande inventiva nell’attribuire valori metaforici e significati profondi ai materiali plastici con cui realizzano sculture e installazioni.

Immagine: Massimo De Caria, Le tre età

Informazioni sulla mostra

Titolo mostraQuattro pezzi (non tanto) facili
CittàBiella
SedeFondazione Pistoletto
DateDal 01/07/2022 al 30/11/-0001
ArtistiMassimo De Caria, Filippo Berta, Carlo e Fabio Ingrassia, Daniele Innamorato
CuratoriGiorgio Verzotti
TemiArte contemporanea

Alla Fondazione Pistoletto artisti contemporanei in mostra tra video, scultura, disegno e pittura
Alla Fondazione Pistoletto artisti contemporanei in mostra tra video, scultura, disegno e pittura


Se ti è piaciuto questo articolo
abbonati al magazine di Finestre sull'Arte.
176 pagine da sfogliare, leggere, sottolineare e collezionare.
176 pagine di articoli ed approfondimenti inediti ed esclusivi.
Lo riceverai direttamente a casa tua. Non lo troverai in edicola!

176 pagine, 4 numeri all'anno, al prezzo di 29,90 €

ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE


A Reggio Emilia ritratti di donne nel Novecento, da Guttuso a Campigli
A Reggio Emilia ritratti di donne nel Novecento, da Guttuso a Campigli
Per la prima volta in Sicilia l'installazione di specchi calpestabili di Alfredo Pirri
Per la prima volta in Sicilia l'installazione di specchi calpestabili di Alfredo Pirri
Qualcos'altro. I monocromi di Mario Schifano in mostra a Milano
Qualcos'altro. I monocromi di Mario Schifano in mostra a Milano
Al Santa Maria della Scala i cavalli di Luigi Ballarin, tra Oriente e Occidente
Al Santa Maria della Scala i cavalli di Luigi Ballarin, tra Oriente e Occidente
Quanto può dire un ritratto? La Galleria Sabauda indaga sul tema con opere poco note delle collezioni
Quanto può dire un ritratto? La Galleria Sabauda indaga sul tema con opere poco note delle collezioni
Ecco la grande mostra su Raffaello: oltre 200 opere, restauri, un percorso a ritroso. Le foto dei capolavori
Ecco la grande mostra su Raffaello: oltre 200 opere, restauri, un percorso a ritroso. Le foto dei capolavori