Il lato umano delle infrastrutture raccontato con la mostra Cyclopica alla Triennale di Milano


Alla Triennale di Milano, la mostra ’Cyclopica. The human side of infrastructure’ racconta il lato umano delle infrastrutture.

Apre oggi, durante la Triennale di Milano, la mostra “Cyclopica - The human side of infrastructure” che racconta il lato umano delle infrastrutture attraverso le dighe, le ferrovie, i ponti realizzati dal gruppo Salini Impregilo

Scopo della rassegna, che si protrarrà fino al 3 giugno, è quello di far conoscere ai visitatori gli oltre 100 anni di storia del gruppo edile protagonista attraverso due fasi: la prima espone il materiale fotografico proveniente dagli archivi Salini, che conta la bellezza di 1 milione 200 mila immagini e 600 video realizzate dal 1911 ad oggi, mentre la seconda è un tunnel di 10 metri che, grazie ai video proiettati al suo interno e ai suoni tipici dei cantieri, trasporta il visitatore in un’esperienza più immersiva.

Pietro Salini, amministratore delegato del gruppo, spiega: "Il lavoro oggi è la priorità, nel mondo, in Italia, nei nostri cantieri. Ed è il lavoro che vogliamo celebrare con Cyclopica. Bisogna che tutti quelli che oggi pensano di governare il Paese tornino a pensare all’occupazione, al lavoro. C’è la retorica di parlare di lavoro in senso virtuale, bisogna parlarne in modo reale, pratico”.

Orari d’apertura: dal martedì alla domenica dalle 10:30 alle 20:30. Maggiori informazioni sul sito della Triennale.

Il lato umano delle infrastrutture raccontato con la mostra Cyclopica alla Triennale di Milano
Il lato umano delle infrastrutture raccontato con la mostra Cyclopica alla Triennale di Milano


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Novecento     Cinquecento     Ottocento     Quattrocento     Firenze     Barocco     Toscana     Roma    

NEWSLETTER