Elogio dei fiori finti. Bertozzi & Casoni rivisitano i fiori di Giorgio Morandi


Fino al 6 gennaio 2020 il Museo Morandi ospita la mostra Elogio dei fiori finti. Bertozzi & Casoni rivisitano i fiori del maestro bolognese.

Fino al 6 gennaio 2020 il Museo Morandi a Bologna propone Elogio dei fiori finti con cui s’intende mostrare come il duo artistico Bertozzi & Casoni hanno filtrato la lezione del grande maestro Giorgio Morandi.

L’esposizione rientra nel percorso del museo di valorizzazione della propria collezione grazie a un programma di progetti espositivi temporanei volti ad accostare l’arte di Morandi all’opera di artisti che si sono ispirati a lui, realizzando una visione propria della produzione del maestro bolognese. 

L’attenzione del duo artistico si è rivolta ad alcuni celebri dipinti che raffigurano vasi di fiori e ai relativi modelli che è possibile ammirare nel Museo Morandi: l’artista non guardava al fiore fresco, destinato a modificarsi ogni giorno, ma al fiore di seta o a quello essiccato che mantiene inalterato il suo stato. Bertozzi & Casoni, interessati al tema floreale, si sono ispirati a questi per realizzare fiori in ceramica

I tre lavori proposti in mostra sono quindi una rivisitazione attenta e personale da cui nascono veri d’après Morandi, dopo quelli celebri di Gio Ponti che oltre settan’anni fa riproponevano bottiglie trafitte, ingioiellate, mascherate e abbottonate.

Per info: www.mambo-bologna.org/museomorandi/

 

Elogio dei fiori finti. Bertozzi & Casoni rivisitano i fiori di Giorgio Morandi
Elogio dei fiori finti. Bertozzi & Casoni rivisitano i fiori di Giorgio Morandi


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER