Le creature e la natura di Fulvio Di Piazza in mostra a Cannobio


Fino al 26 agosto 2018 la mostra “Genesi minore” di Fulvio Di Piazza presso Palazzo Parasi di Cannobio (VB).

Fino al 26 agosto 2018 Palazzo Parasi di Cannobio (VB) accoglie l’esposizione "Genesi minore" di Fulvio Di Piazza.

Attraverso venti opere verrà presentato uno dei protagonisti più originali del panorama figurativo italiano odierno.
Il suo tratto caratteristico consiste nelle sue creature fitomorfe, nelle catastrofi ambientali e nei suoi autoritratti dissimulati nell’ambiente.

Il curatore Alberto Zanchetta afferma: "Le sue creature grottesche sembrano originarsi da un caso fortuito anziché da un normale processo evolutivo; un ruolo demiurgico, in parte profetico e in parte funesto, che alterna il rigoglio vegetale ai vapori e ai lapilli di un’autodistruzione. Rispetto ai sette giorni della creazione divina, in questi dipinti prende il sopravvento una Genesi minore, non ortodossa, che ancora ignora l’esistenza dell’homo sapiens, benché ne rispecchi sia i pregi che i difetti. Ebbene, l’immaginario di Fulvio Di Piazza ci offre dei surrogati antropici, intrisi di invenzioni e di conflitti che ogni fruitore è invitato a interpretare da molto vicino (rischiando invero di restare invischiato nella ricca densità della pittura)”.

Orari: martedì e giovedì dalle 10.30 alle 12.30; mercoledì e venerdì dalle 16 alle 19; sabato dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 16 alle 19; domenica dalle 10.30 alle 12.30.  

Ingresso libero.

Immagine: Fulvio Di Piazza, Di natura criminale (2005; olio su tela, 190 x 150 cm)

 

Le creature e la natura di Fulvio Di Piazza in mostra a Cannobio
Le creature e la natura di Fulvio Di Piazza in mostra a Cannobio


Se ti è piaciuto questo articolo abbonati a Finestre sull'Arte.
al prezzo di 12,00 euro all'anno avrai accesso illimitato agli articoli pubblicati sul sito di Finestre sull'Arte e ci aiuterai a crescere e a mantenere la nostra informazione libera e indipendente.
ABBONATI A
FINESTRE SULL'ARTE



Arte antica     Politica e beni culturali     Patrimonio     Musei     Arte contemporanea     Rinascimento     Seicento     Ottocento     Novecento     Cinquecento     Firenze     Quattrocento     Barocco     Genova     Roma    

NEWSLETTER